"Tutto è fatto per il futuro, andate avanti con coraggio".

Pietro Barilla

Al-Sisi in Italia col fardello di un M.O. sanguinante

0

Al-Sisi to Italy carrying a broken and bleeding Middle East

Sisi will start today a European tour which will take him to Italy, the Vatican and France carrying a broken and bleeding Middle East.

Broken and bleeding because of religion traders who are using religion in politics.

Broken and bleeding for the fragile status of many people living in Egypt, Syria, Iraq, Libya, Gaza, Yemen, etc., due to those religion traders who are destabilizing the States in order to establish their own and for other reasons.

Broken and bleeding because millions of people are no more living in their houses and will pass a cold winter God only knows how they will be able to survive.

28th of November

al-sisi medio orienteSpeaking about those religion traders, we have to start with some Islamists in Egypt who want to launch an Islamic revolution on the 28th of November carrying (and what a shame) the Koran. So nobody can touch them otherwise they will commit a profanation for the most holy book. They want to say: Our legitimacy is not the Egyptian people who kicked out the Muslim Brotherhood and elected El Sisi. Our legitimacy is this book: you can go to hell…

Egypt’s banned Muslim Brotherhood welcomed on Sunday the call for protests scheduled for Friday, November 28 under the banner of “imposing Egypt’s Islamic identity”.

El Azhar said that those people are deceiving the Muslims in the name of the Sharia by lifting the Koran. It’s just an invitation to chaos and bloodshed based on lies.

The Salafist Nader Bakkar said that it is a physical and moral vulgarity and insult towards the Koran.

Some archeological figures of January 2011 started warming their machines and are expecting to replay those old glorious days but this time their revolution will be against the Egyptian people.

Other Human Rights figures are already in Egypt ready with their cameras to document the brutality of the security forces with those “peaceful” protesters.

Israel the Jewish State

While some Islamists are working for an ethnic cleansing against the Christians (ISIS and others), the State of Israel is working hard to be able to include the whole Palestinian territory in a confederation (so there is no Palestinian State) but with an Arab population who will be granted a second grade citizenship.

In fact, Israeli cabinet approved yesterday a legislation which defines Israel as a nation-state of Jewish people.

But, Israel’s Attorney General Yehuda Weinstein on Sunday came out strongly against this legislation that considers Israel as the homeland of the Jewish people.

He criticized the proposal, saying it weakens the state’s democratic character. The problem with the bill, according to him, is that it separates the term “Jewish and democratic state” into two separate clauses, Times of Israel reported.

According to Akbar Ganji: The absence of two States solution with a ‘Jewish State’ means Apartheid.

Israeli extremists cannot have it both ways: no two-state solution and the recognition of Israel as a Jewish state. For any state or international organization to grant such recognition would be tantamount to blessing the very apartheid structure of governance the world rejected in South Africa.

No one has said it better than former Prime Minister Ehud Olmert in an interview on 26 December 2003:

We are approaching a point where more and more Palestinians will say: ‘There is no place for two states between Jordan and the sea. All we want is the right to vote.’ The day they get it, we will lose everything. I shudder to think that liberal Jewish organizations that shouldered the burden of the struggle against apartheid in South Africa will lead the struggle against us.

Paul Crompton asked: What’s the future for non-Jews in the ‘Jewish state’?

Hilal Khashan, political science professor at the American University of Beirut, said that the proposal is “more than symbolic” and shows the “line of action in which the Israeli government [will go]in the future…[non-Jewish minorities] are already jeopardized, but now discrimination against them would be sanctioned by law.”

The Palestinian State

From their side, the Palestinians will appeal to UN for statehood recognition ‘by the end of the week’

The EU parliament will vote on Palestine statehood on Thursday 27 November on whether EU states should recognise Palestine.

The motion was initiated by the left-wing Gue and S&D groups in the EU assembly. It’s too early to say what the final text of the resolution will propose.

Gue’s draft text “urges all EU member states … to recognise the state of Palestine on the basis of the 1967 borders with Jerusalem as the capital”.

Israel fears EU Parliament will recognize Palestine

From another side, Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu warned Sunday that France’s parliament would be making a “grave mistake” if it recognises a Palestinian state in a vote on December 2.

“Do they have nothing better to do at a time of beheadings across the Middle East, including that of a French citizen?” he told reporters in Jerusalem, referring to hiker Herve Gourdel who was executed by his jihadist captors in Algeria in September.

British MPs are under pressure to back Palestinian rights. Pro-Palestine groups in the UK have intensified lobbying efforts to members of the House of Commons ahead of a highly anticipated parliamentary debate on Palestinian rights.In a rare move, the House will debate the Palestinian-Israeli conflict on 1 December. The debate comes in response to an e-petition signed by more 124,000 British citizens, asking their government to help solve the conflict.

“While Israel is using equipment and weapons for internal repression, no arms export licences should be granted to or from Israel,” the group said.

Al-Sisi new initiative

Sisi: Egypt could send peacekeepers to a future Palestinian state

If Palestine were to be recognized as a state, Egypt could send peacekeepers to ensure that attacks launched from there against Israel stop, Egyptian President Abdel-Fattah al-Sissi said in an interview to Italian newspaper Corriere della Sera published Sunday.

“We need to guarantee the security of Israelis, but, at the same time, we must give back hope to the Palestinians, and the best way to fuel this hope is the creation of a Palestinian state,” Sisi said.

Following that step, confidence-building measures will be needed, “because Israeli security cannot be put at risk and Palestinians must stop committing serious and inconsiderate acts which, at that point, would be self-destructive,” he noted.

“Egypt is ready to help,” Sissi continued, saying he had already discussed his ideas with Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu and Palestinian President Mahmoud Abbas.

“We are ready to send military troops inside a Palestinian state. They would help local police and reassure the Israelis through their [peace]guarantee role. Not forever, of course. For the time necessary to re-establish trust,” Sissi said.

Tony Blair in Cairo

tony blair cairo al-sisi Egypt’s foreign affairs minister, Sameh Shoukry, met on Sunday with Tony Blair, former UK prime minister and Middle East representative for The Quartet, to discuss ongoing Israeli-Palestinian peace talks and the latest developments in the region.

Sisi’s visit

In this context, we can say that Sisi’s visit to Italy and France is extremely important. What will he discuss with Matteo Renzi, Pope Francis and later on with François Hollande?

As a summary, we can say that this visit has two aspects: How to defeat all religion traders in the Middle East (political aspect) and how to help the people to live a decent life (economical aspect).

 

28 novembre

Al-Sisi comincia oggi il tour europeo che lo porterà n Italia, in Vaticano e in Francia, trascinando con sé un Medio Oriente sanguinante e ferito. Sanguinante e ferito per colpa dei mercanti di religione che stanno usando la religione in politica. Sanguinante e ferito per le fragili condizioni in cui tanti vivono in Egitto, Siria, Iraq, Libia, Gaza, Yemen, etc., a causa di quei mercanti di religione che stanno destabilizzando gli stati per imporre le loro ragioni e per altre ragioni. Ferito e sanguinante a causa dei milioni di uomini, donne e bambini che non vivono più nelle loro case e che trascorreranno un inverno al quale dio solo sa riusciranno a sopravvivere.

Parlando di mercanti di religione, noi dobbiamo cominciare dagli islamisti in Egitto, che vogliono lanciare una rivoluzione islamica il 28 novembre portando ( ) il Corano. Così nessuno potrà toccarli se non vorrà profanare il libro sacro. Loro vogliono dire: la nostra legittimazione non passa per il popolo egiziano che ha cacciato via i Fratelli Musulmani ed eletto al-Sisi. La nostra legittimazione passa attraverso questo libro: voi potere andare all’inferno…

L’Egitto ha bandito i Fratelli Musulmani

L’Egitto che ha bandito i Fratelli Musulmani ha accolto con favore domenica l’appello alle proteste fissate per venerdì 28 all’insegna dello slogan “imporre l’identità islamica all’Egitto”.

Al Azhar ha detto che quella gente sta ingannando i musulmani in nome della Sharia usando il Corano. E che è un invito al caos e al bagno di sangue fondato sulle menzogne. Il salafita Nader Bakkar ha detto che utilizzare il libro sacro in quel modo è una volgarità morale e fisica e un insulto. Alcune figure archeologiche del gennaio 2011 hanno cominciato a scaldare i motori e stanno aspettando di rivivere quei vecchi giorni gloriosi, ma questa volta la loro rivoluzione sarà contro il popolo egiziano. I rappresentanti dei diritti umani sono già in Egitto pronti con le loro telecamere a documentaere la brutalità delle forze di sicurezza contro quei “pacifici” dimostranti.

Israele, lo stato ebraico

Mentre alcuni islamisti stanno lavorando a fare pulizia etnica dei Cristiani (Isis e altri), lo Stato di Israele sta lavorando sodo a includere l’intero territorio palestinese in una confederazione (cosicchè non ci possa essere uno stato palestinese) nella quale però alla popolazione araba sia garantita una cittadinanza di secondo livello. Il governo israeliano ha approvato ieri una norma che definisce Israele nazione-stato del popolo ebraico.

Immediata è stata la reazione del Procuratore generale di Israele Yehuda Weinstein, Israel’s Attorney General Yehuda Weinstein , che ha criticato l’iniziativa e ha detto che essa indebolisce il carattere democratico dello stato.

Secondo Akbar Ganji (According to Akbar Ganji): l’assenza di una soluzione che preveda due stati con uno “stato ebraico” significa Apartheid. Gli estremisti israeliani non possono avere le due cose insieme: nessuna soluzione a due stati e il riconoscimento di Israele come stato ebraico. Per qualsiasi stato o organizzazione internazionale un tale riconoscimento equivarrebbe a sancire l’esistenza di una struttura di governo improntata sull’apartheid, come quella che il mondo ha bocciato in Sud Africa. Nessuno lo ha detto meglio dell’ex premier Ehud Olmert in un’intervista del dicembre del 2003: noi stiamo arrivando a un momento in cui sempre più palestinesi diranno “Non c’è posto per due stati tra la Giordania e il mare. Tutto ciò che vogliamo è il diritto al voto”. Il giorno in cui ciò accadrà avremo perso tutto. Mi viene un brivido a pensare che le organizzazioni liberali che hanno portato sulle spalle il fardello della lotta contro l’apartheid in Sud Africa daranno battaglia a noi.

(Paul Crompton asked) Paul Crompton chiese: “Qual è il futuro per i non ebrei nello 2stato ebraico”? Hilal Khashan, professore di scienze politiche all’Università americana di beirut disse che la “proposta era più simbolica” .

Lo Stato Palestinese

al-sisi rivoluzione islamicaDall’altro lato, i palestinesi faranno appello alle Nazioni Unite per ottenere il riconoscimento entro la fine della settimana. Il parlamento europeo voterà sul riconoscimento della Palestina giovedì 27 novembre. La mozione è stata presentata dall’ala sinistra del gruppo Gue ed S&D. Nella bozza si chiede agli Stati membro di riconoscere la Palestina secondo i confini stabiliti nel 1967 con Gerusalemme come capitale”.

Israele teme il riconoscimento della Palestina da parte del parlamento europeo

Il premier Benjamin Netanuyahu ha messo in guardia domenica il parlamento francese dal commettere il grave errore di votare per la Palestina il 2 dicembre. “Non hanno niente a che fare con le decapitazioni in Medio Oriente, inclusa quella del cittadino francesde?”, ha domandato ai reporter a Gerusalemme facendo riferimento all’uccisione avvenuta in settembre in Algeria di herve Gourdel.

I membri del parlamento britannico sono stati messi sotto pressione dalle lobbies pro-palestinesi e così il dibattito sul conflitto in Medio Oriente è stato fissato al primo dicembre, in risposta alla e-petition sottoscritta da oltre 124 mila cittadini britannici che chiedono al governo di occuparsene e risolverlo. Intanto c’è chi ha chiesto già di fermare l’export di armi a Israele.

La nuova iniziativa di Sisi

L’Egitto potrebbe mandare nel futuro stato palestinese caschi blu egiziani.

Se la Palestina ottenesse il ricoscimento cui aspira di stato autonomo, l’Egitto potrebbe inviare i proprio caschi blu a monitorare il comportamento di Israele, ha annunciato in un’intervista il presidente egiziano al-Sisi. “Noi abbiamo bisogno -ha detto- di garantire la sicurezza Israele, ma al tempo stesso dobbiamo sostenere le speranze dei palestinesi e il miglior modo per farlo è la creazione di uno stato palestine”, ha detto Sisi. “Noi siamo pronti a mandare truppe militari in Palestina per aiutare la polizia locale e rassicurare Israele del loro ruolo di garanti di pace. Non per sempre naturalmente, ma per il tempo necessario a ristabilire la fiducia”. Sameh Shouk, intanto ha incontrato domenica Tony Blair, l’ex premier britannico e rappresentante in M.O del “Quartetto” per discutere dell  met on Sunday with Tony Blair, former UK prime minister and Middle East representative for The Quartet, per discutere dei negoziati di pace e degli ultimi sviluppi nella regione.

La visita di Sisi

In questo contesto noi possiamo dire che la visita di Sisi in Italia e Francia è estremamente importante. Di che cosa discuterà con Matteo Renzi, Papa Francesco e dopo con Francois Holland ? In sintesi possiamo dire che questa visita presenta due aspetti: come sconfiggere tutti i mercanti di religione in Medio Oriente (aspetto politico) e come aiutare la gente a vivere una vita decente (aspetto economico).

Al-Sisi comincia oggi il tour europeo che lo porterà n Italia, in Vaticano e in Francia, trascinando con sé un Medio Oriente sanguinante e ferito. Sanguinante e ferito per colpa dei mercanti di religione che stanno usando la religione in politica. Sanguinante e ferito per le fragili condizioni in cui tanti vivono in Egitto, Siria, Iraq, Libia, Gaza, Yemen, etc., a causa di quei mercanti di religione che stanno destabilizzando gli stati per imporre le loro ragioni e per altre ragioni. Ferito e sanguinante a causa dei milioni di uomini, donne e bambini che non vivono più nelle loro case e che trascorreranno un inverno al quale dio solo sa riusciranno a sopravvivere.

Paul Attallah

 

L'Autore

Il Cairo

Lascia un commento