La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.

Abraham Lincoln

Cresce la spesa militare. Conflitto in aumento

0

Nel 2015, 1.676 miliardi di dollari sono stati esborsati per spese militari a livello mondiale. Dal 2001 al 2011 erano stati spesi 9.8 trilioni di dollari, per la difesa e per la guerra, l’11,3% del Pil mondiale, il Pil dell’Italia, Francia, Germania e UK messi insieme. Dopo 3 anni di stasi le spese sostenute nel settore bellico, per i conflitti e per le missioni di pace sono tornate a crescere.

La caduta del muro e la fine del bipolarismo dovevano servire a liberare ingenti risorse finanziarie, fino allora utilizzate per la corsa agli armamenti, da destinare allo sviluppo sociale, alla lotta contro la povertà, all’istruzione, alla sanità, per migliorare le politiche sociali economiche, ambientali, per aumentare e migliorare il tenore di vita della gente comune.

Ma ahimè, dal 1995 in poi, il commercio degli armamenti ha conosciuto un vero e proprio boom. USA, Germania, Francia, Regno Unito e Russia hanno riversato sul mercato l’80% degli armamenti in loro possesso, stravolgendo completamente quelle che erano le speranze per la costruzione di un mondo migliore. Dopo il 1989, anno della caduta del muro, ben 57 guerre hanno devastato paesi e popolazioni. Il picco è stato raggiunto nel 1995 quando il Ploughsares registrava 44 conflitti ad alta intensità, tra cui diversi in Europa dai Balcani al Caucaso.

Pulizia etnica, stupro, genocidio e uccisioni di massa

Da allora, le parole pulizia etnica, stupro, genocidio, uccisioni di massa sono divenute di uso comune, fino ad oggi quando vediamo increduli Governi contro milizie ribelli, gruppi estremisti armati che commettono atrocità e obbligano le popolazioni ad esodi forzati, e poi la nascita del terrorismo internazionale, odio, fanatismo: colpire i civili per intimidire i governi. Attaccare per terrorizzare e annientare il nemico colpendone la parte più debole. Oggi, all’inizio del 21° secolo il coinvolgimento delle popolazioni civili nelle guerre è stimato intorno al 90%.

Nel 2015, 1.676 miliardi di dollari, dopo 3 anni di stasi, le spese militari sono tornate a crescere. Se questi soldi fossero stati investiti in attività produttive come ad esempio nella costruzione di scuole, di strade, di centri ricreativi per bambini o per anziani, in musei, biblioteche, avrebbero certamente portato ad una migliore convivenza civile e ad uno sviluppo economico invece che alla distruzione. L’insicurezza dei cittadini è aumentata ed è aumentata anche la conflittualità all’interno degli Stati.

Da uno studio IEP, oggi sono attivi più di 400 focolai di guerra più o meno cruenti, e nel mondo soltanto il ‘’ Costa Rica ‘’ non ha un esercito e non ha conflitti socio economici all’interno. L’Italia in questa classifica si posiziona al 34° posto (dati pubblicati dall’Indipendent ).

Conflitti attualmente in corso

Guerra deriva dalla parola werran, dal tedesco antico, che significa mischia. Le guerre sono combattute per il controllo delle risorse naturali, per risolvere dispute territoriali, commerciali, economiche, religiose. Oggi la parola “Guerra” è stata sostituita dalla parola “Conflitto”, una definizione all’apparenza più morbida ma con lo stesso significato: morte e disperazione sono le stesse!

Il numero di conflitti in corso è davvero incredibile. Esistono vari parametri per stabilire il livello di gravità di un conflitto e nell’elenco che segue vogliamo indicare le aree del pianeta dove si combattono i conflitti più cruenti (dal sito “guerre nel mondo” news giornaliere aggiornato al 18.08.2016):

Africa : 29 Stati e 209 tra milizie, guerriglieri, separatisti e anarchici

Punti Caldi: Egitto (guerra contro militanti islamici ramo Stato Islamico), Libia (guerra civile in corso), Mali (scontri tra esercito e gruppi ribelli), Mozambico (scontri con ribelli RENAMO), Nigeria (guerra contro i militanti islamici), Repubblica Centrafricana (spesso avvengono scontri armati tra musulmani e cristiani), Repubblica Democratica del Congo (guerra contro i gruppi ribelli), Somalia (guerra contro i militanti islamici di al-Shabaab), Sudan (guerra contro i gruppi ribelli nel Darfur), Sud Sudan (scontri con gruppi ribelli)

Asia :16 Stati 80 tra milizie, guerriglieri, separatisti e anarchici

Punti Caldi: Afghanistan (guerra contro i militanti islamici), Birmania-Myanmar (guerra contro i gruppi ribelli), Filippine (guerra contro i militanti islamici), Pakistan (guerra contro i militanti islamici), Thailandia (colpo di Stato dell’esercito Maggio 2014)

Europa: 9 Stati 80 tra milizie, guerriglieri, separatisti e anarchici

Punti Caldi: Cecenia (guerra contro i militanti islamici), Daghestan (guerra contro i militanti islamici), Ucraina (Secessione dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk e dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk), Nagorno-Karabakh (scontri tra esercito Azerbaijan contro esercito Armenia e esercito del Nagorno-Karabakh)

Medio Oriente: 7 Stati 236 tra milizie, guerriglieri, separatisti e anarchici

Iraq (guerra contro i militanti islamici dello Stato Islamico), Israele (guerra contro i militanti islamici nella Striscia di Gaza), Siria (guerra civile), Yemen

Americhe: per i corrieri della droga

Punti Caldi: Colombia (guerra contro i gruppi ribelli), Messico (guerra contro i gruppi del narcotraffico)

I nuovi conflitti sono quelli più sanguinosi: il conflitto Israelo-Palestinese, Iracheno, Afghano, Ucraino, Libico, Siriano, Tunisino, e tanti altri ancora.

Capire il perché

Quanta gente soffre, muore, per le ferite di guerra, per fame, per sete, per malattia, per le mine, le bombe a grappolo, gli ordigni inesplosi, disseminati in tutto il pianeta. Si calcola che nel mondo più di 70 Paesi ne siano invasi, per un totale di 110 milioni di ordigni inesplosi soprattutto in Afghanistan, Cambogia, ex Jugoslavia. Questa gente che ha perso la speranza e non capisce più cosa voglia dire vivere, mentre i mercanti della guerra non vedono che il profitto derivante dall’accaparramento delle risorse strategiche di questi paesi. Forse la 3° guerra mondiale è già iniziata ma è certo che non sappiamo come finirà. È necessario un cambio di prospettiva, è necessario procedere con opere di bonifica per mettere in sicurezza le aree che sono state martoriate dai conflitti, altrimenti per decine di anni ancora, la guerra troverà eco nell’esplosione dei residuati bellici. È necessario un cambio di rotta: “UGM, ovvero Umanità Geneticamente Modificata” perché le Missioni di Pace e gli aiuti umanitari”, purtroppo non bastano a rendere questo Mondo migliore!

Simona Agostini : 25 agosto 2016

 

L'Autore

Lascia un commento