Compili il suo pronostico, ci penserà il futuro!

Gianni Rodari

G7, ritorno al passato. Seconda edizione senza Mosca

0

G7Non più G8. Sembra essere ritornati ai tempi della guerra fredda. A prima della caduta del Muro di Berlino. Il club buono delle grandi potenze del mondo, al quale appartengono Francia, Gran Bretagna, Usa, Germania, Giappone, Italia e Canada, ha estromesso la Russia. E il summit in corso in Germania, nel castello di Elmau, è la seconda edizione, dopo quella di un anno fa a Bruxelles, senza Mosca. La cortina è tornata a calare tra Est e Ovest dopo la crisi Ucraina. E il vento ha ripreso a soffiare gelido e forte, con Vladimir Putin che si difende e nega le sue colpe e gli Stati Uniti che mostrano i muscoli, insistentemente accennando alla necessità di potenziare il sistema di difesa missilistico europeo, con la Germania che fa da spalla. E proprio di questo hanno parlato a Elamu la cancelliera Angela Merkel e il presidente Barak Obama.

Le sanzioni alla Russia non cesseranno fino a quando Mosca non avrà dato corso a tutti gli impegni presi a Minsk e dimostrato di rispettare la sovranità dell’Ucraina. Un punto sul quale sembra esserci piena coincidenza di vedute tra i due leader, che nel corso del loro incontro a due hanno affrontato anche altri temi che sono in discussione nell’agenda del vertice: dal mercato del lavoro, ai cambiamenti climatici, alla grave situazione in Medio Oriente, al futuro dell’Europa e dell’economia mondiale.

Il tweet di Renzi, stop austerity

Obama ha avuto anche un colloquio con il premier britannico David Cameron, con il quale ha affrontato la questione del ruolo di Londra nella Ue. E, a margine di una sessione di lavori, con Matteo Renzi. “Ora stiamo facendo le riforme, che stanno iniziando a dare i frutti, la discussione ora è come sostenere la crescita e la posizione italiana è in linea con gli Stati Uniti: dobbiamo fare di più, c’è bisogno di più crescita e investimenti”, ha riferito il premier italiano, che mentre era in corso la seduta di lavori aveva twittato: #G7Summit #G7 Molto buona prima sessione su economia. Giusto fare riforme strutturali, ma più crescita e investimenti, stop austerity. E che lo stop all’austerity non resti un mero slogan, ma si traduca in fatti.
La Grecia e il debito greco è stato un altro tema caldo discusso al summit. “Escludo ancora una uscita di Atena dall’euro” ma è arrivato il momento che Tsipras faccia le sue proposte perché una “deadline” c’è e si avvicina, ha detto il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, dopo che ieri si era rifiutato di rispondere al telefono al leader ellenico. La giornata di oggi sarà dedicata al terrorismo e sono stati invitati al summit anche i leader della Nigeria, dell’Iraq e delle Tunisia..

L'Autore

Lascia un commento