La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.

Abraham Lincoln

Il direttore Finaldi a FQ: “Modernizzare i musei. Le istituzioni siano a favore della riforma”

0

finaldi“Mi prometta che non andrà via senza aver visto la mostra di van der Weyden”. Questa la concisa e garbata conclusione di Gabriele Finaldi alla mia intervista: il direttore aggiunto del Museo del Prado dal 2002, appena eletto direttore della National Gallery di Londra, mi trasmetteva così la sua grande passione per l’arte. E non me la sono sentita di deluderlo, e al Prado ho visto una mostra “preciosa” e “impresionante” come direbbero in Spagna, una mostra “straordinaria” come mi ha detto nel suo italiano perfetto Finaldi. Padre napoletano (spesso ritorna in Italia dove lo aspetta “una splendida famiglia”) e madre anglo-polacca, è nato a Londra nel 1965, ha studiato in Inghilterra e in Italia, ma si è laureato presso il Courtauld Institute of Art di Londra in Storia dell’Arte, conseguendo poi un dottorato sulla vita e l’opera si José de Ribera.

Giovanissimo, nel 1992 viene nominato curatore della pittura italiana e spagnola alla National Gallery, e a soli 36 anni chiamato come direttore aggiunto al Museo del Prado. Spiega quanto sia felice di ritornare alla National Gallery come direttore: “In parte per me è un ritorno a casa, è un’istituzione per cui nutro grande affetto, grande rispetto”. Ma è anche triste di lasciare la Spagna e Madrid “dove sono stato stato molto contento”. Per lui “ambedue le istituzioni hanno collezioni veramente meravigliose. Quindi si parte da una fortissima base in entrambe e la collaborazione che le legherà sarà continua”. In Spagna Finaldi è considerato “El reinventor del Prado” ed in effetti lo ha rivoluzionato: “La riforma fatta al Museo del Prado in parte è stata modellata sulla National Gallery, che ci è servita da esempio per la ristrutturazione e la riorganizzazione”. In questi anni è cresciuto il numero del personale ed è migliorata la situazione economica; nel 2003 una nuova legge del Prado conferiva una maggiore autonomia all’istituzione dal punto di vista economico e contrattuale.

È stato messo in funzione un programma molto ambizioso di esposizioni che ha avuto inizio con la grande mostra su Tiziano nel 2003, e nel 2007 è stato ampliato il Museo. Si è dato un grande impulso alla ricerca e nel 2008 è stato inaugurato il centro studi dove si realizza il lavoro di ricerca accademica; il nuovo edificio è stato dedicato al restauro e alle esposizioni temporali. Sono stati anche creati nuovi spazi di accoglienza per i visitatori ed il Museo è diventato molto più professionale e risolve le necessità del pubblico in maniera più diretta e intelligente. Quando ad agosto prenderà le redini della National Gallery, Finaldi sa già che la troverà “molto ben formata, ben stabilita, ben organizzata, con dei bisogni che sono sfide, e che hanno a che fare con la organizzazione interna, con i programmi”. La prima mostra che inaugurerà ad ottobre sarà sui ritratti di Goya. Ma sta anche preparando una mostra sui disegni di Ribera, pittore spagnolo (1591-1652), attivo soprattutto a Napoli, che sarà celebrata al Prado alla fine dell’anno prossimo. “Lavoro fondamentalmente sul ‘600 italiano e spagnolo e ho cercato sempre anche di mantenere questa attività nonostante le responsabilità del Museo. Alcune mostre le faccio io direttamente come commissario, sono poche perché questo è un lavoro dei conservatori, ma con molto piacere ricordo la mia recente mostra su Esteban Murillo; tra quelle fatte dai colleghi e collaboratori importante quella sul Tintoretto, e attualmente una su Rogier van der Weyden, fra le più belle in Europa”.

Riguardo al rapporto dei cittadini con i musei e le opere d’arte ritiene che se in Inghilterra il pubblico è molto legato alle collezioni permanenti anche perché i musei nazionali sono gratuiti, “c’è unfinaldi legame speciale fra i cittadini e le istituzioni museali”, in Spagna sono le mostre temporali ad attirare il pubblico: “Gli spagnoli risentono più il fascino e l’eccitazione di guardare qualcosa di nuovo”. Sulla perplessità riguardo all’amore per l’arte dei cittadini italiani risponde: “Noi ammiriamo l’Italia perché fin da piccoli ci trasmettono una naturale familiarità con le bellezze delle opere d’arte, con le piazze, le chiese, gli edifici, le statue, le fontane e i musei. E’ per questo che forse gli italiani sono così abituati a vivere fra tanta bellezza che forse i musei non attirano tanto, ma – sottolinea – tenga conto che l’Italia ha il maggior numero di musei d’Europa, una presenza museale molto forte”.

Finaldi non è stato mai chiamato a dirigere un museo italiano: “L’Italia per me è un paese molto speciale e attraente e ho cercato di portare avanti numerosi progetti insieme alle sue istituzioni; è un paese dove si può collaborare con grandi risultati. Ci sono direttori di musei molto bravi, spesso però hanno poca autonomia e pochi fondi per sviluppare i loro progetti, ma certamente il personale è molto qualificato. In questo momento c’è una riforma abbastanza ambiziosa del tema museale italiano che vuole in un certo senso modernizzare queste istituzioni, dare loro maggiore autonomia e anche più poteri decisionali ai direttori. Bisogna vedere se si appoggeranno le istituzioni fino in fondo per questa riforma”. Questo l’augurio che fa ai nostri musei.

Stefania Miccolis

L'Autore

Lascia un commento