«Lei sogna di ..far tredici? » Ma lo farà sicuro!

Gianni Rodari

Il Centro Studi Americani, un ponte culturale tra Stati Uniti e Italia

0

Mettere al centro del dibattito politico,  economico e sociale l’Uomo è un segnale politico di civiltà. Il Centro Studi Americani, in accordo con la sua mission, rivolta a valorizzare i rapporti transatlantici tra Italia e USA, mira a rafforzare i legami storici tra i due Paesi anche attraverso storie incentrate sui rapporti tra individuo e società. Seguendo questa ottica il CSA ha ritenuto importante istituire il  “ Premio Pair, Prize for American- Italian relations” per offrire un riconoscimento a persone che si siano distinte per aver promosso e perseguito il progresso civile e  morale del genere umano, in sintonia e in coerenza con i rapporti culturali  collocando” l’Uomo e il rispetto dei diritti di ogni essere umano al  centro”. Giunto alla sua quarta edizione, il premio si articola in quattro diverse sezioni: Arte e Cultura, Scienze Umane, sociali, letterarie ed economiche. Il premio rappresenta un ulteriore elemento di connessione tra i due Paesi e un forte segnale di pace e di difesa delle identità. Gianni De Gennaro, Presidente del CSA durante la presentazione del Premio 2019 che si è svolto a Roma il 4 settembre ha dichiarato: “Valorizzando le donne e gli uomini che contribuiscono, ciascuno nel proprio settore, si crea un ponte di conoscenza e relazioni fra i due Paesi. Esempi concreti che possano essere d’ispirazione per le giovani generazioni di entrambe le sponde dell’Atlantico”. “ Premiare personalità che hanno promosso l’eccellenza italiana negli Stati Uniti  e quella americana in Italia significa contribuire a consolidare quell’amicizia che lega i due Paesi e favorire concretamente la collaborazione tra i due popoli al di qua e al di là dell’Atlantico” ha detto Gianni Letta, Presidente del Comitato d’Onore del Premio Pair. I premiati 2019 sono tutti nomi di alto livello: Giuseppe Tornatore per la categoria Arte e Cultura, Mark Thompson, CEO The New York Times Net, per la categoria Scienze Umane, Sociali, Letterarie ed Economiche, e per le la categoria Scienze Tecniche e Tecnologia la virologa Ilaria Capua, direttrice del One Health Center of Excellence, Florida University. Ilaria Capua nel 2006 è stata la prima virologa al mondo a rendere di dominio pubblico la sua scoperta sulla sequenza genica del virus dell’aviaria, dando modo ad altri scienziati di proseguire il suo lavoro, per suo merito è nata la cosiddetta “scienza open-source” che favorisce il libero accesso ai dati sulle sequenze genetiche dei virus influenzali. La rivista Seed l’ha eletta “mente rivoluzionaria” e fa parte fra i 50 scienziati top di Scientific America.

Anche quest’anno la commissione del premio Pair ha voluto conferire dei riconoscimenti speciali che sono stati assegnati a:

  • Renzo Arbore, cantautore, musicista ,attore, showman per le sue grandi e riconosciute qualità artistiche. Nella sua attività poliedrica Renzo Arbore con la sua band “l’Orchestra Italiana” ha portato la musica italiana nel mondo e il Jazz in Italia contribuendo alla rinascita di grandi manifestazioni jazzistiche. Come talent scout ha avuto il merito di scoprire artisti come Roberto Benigni, Mario Marenco, Marisa Laurito e valorizzarne altri come Luciano De Crescenzo, l’attrice Maria Grazia Cucinotta, la cantante Pietra Montecorvino. Con la sua Orchestra Italiana si è esibito alla Carnegie Hall di New York, al CasinoRama di Toronto e al Teatro dell’Opera di Roma alla presenza del Presidente Carlo Azeglio Ciampi. Nel corso della sua lunga vita artistica ha ricevuto premi, riconoscimenti ed è stato nominato “Ambasciatore nel mondo della musica napoletana”.
  • Riccardo Masetti, oncologo del Gemelli e founder e promoter della Susan Komen Race for the cure. Il Dott. Masetti ha eseguito in prima persona più di 5.000 interventi di chirurgia oncologica maggiore, con particolare riguardo alla chirurgia dei tumori alla mammella. È autore di 215 pubblicazioni scientifiche in extenso, con un Impact Factor complessivo pari a 81.462, su chirurgia generale e del tumore alla mammella.

Il Premio Pair un ponte culturale tra Stati Uniti e Italia .Un’idea vincente! Nella sua semplicità vuole onorare le eccellenze Italiane che sono approdate negli Stati Uniti e quelle americane che si sono distinte in Italia per l’importanza e l’impatto del loro lavoro.

 

 

L'Autore

Lascia un commento