"Tutto è fatto per il futuro, andate avanti con coraggio".

Pietro Barilla

Il Vaticano ha firmato primo storico accordo con la Palestina

0

vaticanoIl Vaticano ha firmato oggi il primo storico accordo con la Palestina. Il trattato riguarda la vita e l’attività della Chiesa nel paese, che la Santa Sede ha ufficialmente riconosciuto due anni fa, e precisamente nel febbraio 2013. La stesura definitiva risale allo scorso mese ed è l’ultima di una lunga lista di bozze che hanno caratterizzato i negoziati tra le due parti, durati 15 anni. Fortemente negativa la reazioni di Israele, che ha definito l’accordo un passo indietro nel lungo e difficile cammino verso la pace. Il trattato rifletterebbe, secondo quanto hanno spiegato funzionari vaticani, al contrario, proprio il grande desiderio della Chiesa di risolvere il conflitto in Terra Santa attraverso la soluzione della creazione di due stati.  Sono 136 i paesi che hanno riconosciuto la Palestina. Il Vaticano intrattiene, sull’altro versante, relazioni diplomatiche con Israele dal 1993, ma finora non è mai riuscito a concludere un accordo sui diritti della Chiesa nello Stato ebraico, in agenda dal 1999.

L’accordo tra Vaticano e Autorità Palestinese, firmato da monsignor Paul Richard Gallagher, ministro degli Esteri della Santa Sede e da Riad al Malki, capo della diplomazia palestinese, è costituito da un preambolo e da 32 articoli divisi in 8 capitoli.

Il ministro dell’Autorità Nazionale Palestinese insieme a Issa Kassissieh, ambasciatore dell’Anp presso la Santa Sede, hanno ilustrato alla stampa i dettagli dell’accordo generale firmato con la Santa Sede. L’intesa, che appunto regola la situazione giuridica della Chiesa cattolica in Palestina, e che era stata preannunciata da un patto sottoscritto fra le due parti lo scorso 13 maggio, in occasione della visita del presidente palestinese, Abu Mazen, a Papa Francesco I, si ricollega all’accordo base firmato tra la Santa Sede e l’Olp- con Arafat ancora Presidente – il 15 febbraio del 2000 (pochi mesi prima del fallimento dei negoziati di Camp David, in prosecuzione degli accordi di Oslo e di Washington ,tra Arafat e il premier israeliano Barak, e dello scoppio della seconda Intifada).
L’accordo “riguarda aspetti essenziali della vita e dell’attività della Chiesa nello Stato di Palestina”, ha precisato, in una nota ufficiale, Monsignor  Gallagher, e   “riafferma nello stesso tempo il sostegno per una soluzione negoziata e pacifica della situazione nella regione”. Secondo i normali princìpi di diritto internazionale, entrerà in vigore una volta che entrambe le parti avranno notificato per iscritto il rispetto dei necessari, rispettivi  requisiti di diritto costituzionale,  o comunque di normativa interna. “Quest’accordo – ha spiegato l’ambasciatore palestinese Kassissieh – arriva dopo intensi, costruttivi negoziati bilaterali con la S. Sede: e disciplina e garantisce  presenza e attività della Chiesa cattolica in Palestina, proteggendo i suoi fondamentali diritti, le libertà di culto e la sicurezza dei Luoghi santi” ( sempre a maggio, tra l’altro, Francesco I ha canonizzato i primi due santi palestinesi dei tempi moderni, la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso , al secolo Mariam Bawardi, e Marie-Alphonsine Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario).
Lo “statu quo” dei Luoghi santi ( Basilica del S.Sepolcro e Tomba di Maria a Gerusalemme, Basilica della natività a Betlemme), con precise garanzie per l’accesso dei fedeli e l’alternarsi delle varie comunità cristiane (cattolica, armena, ortodossa greca, ecc…) nella custodia dei Luoghi stessi, è assicurato da un quadro giuridico complesso. Quadro fondato sia sul trattato internazionale di Berlino del 1878 ( trattato nato nel chiaro segno del dinamismo bismarckiano, vòlto ad accreditare la Germania come potenza mondiale, capace anche di mediare su una questione così intricata), il quale riprendeva il vecchio editto ottomano del 1852, che sulle successive decisioni del Mandato britannico in Palestina (1918-1948); e, infine, sull’accordo tra Vaticano e Stato d’Israele (1993, lo stesso anno del riconoscimento diplomatico d’ Israele da parte della S.Sede) e sui piu’ recenti accordi  Vaticano-palestinesi. “Quest’ultimo accordo – sottolinea il ministro degli Esteri palestinese, Al-Maliki, – garantisce ulteriormente il mantenimento dello “Statu quo” nei Luoghi santi, con pieno rispetto delle libertà di culto; e, garantendo a tutti  funzionabilità e viabilità in queste aree, vuol promuovere lo sviluppo delle relazioni fra palestinesi e cristiani tutti. Siamo contenti di facilitare così programmi, attività, progetti specifici delle varie Chiese cristiane, per le quali si potranno studiare anche adeguate agevolazioni fiscali;  e possiamo dire a buon diritto di essere una delle poche nazioni al mondo che non solo rispetta e protegge, ma anzi incoraggia le attività religiose in generale”.
L’accordo, poi,  menziona esplicitamente la soluzione dei “due Stati”, il che costituisce, per i palestinesi, un riconoscimento  internazionale “de facto”, da parte vaticana : “il riconoscimento”, precisa ancora Al-Maliki, ” del diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione, alla libertà e alla dignità, con un proprio Stato indipendente”. “Spero che l’accordo – ha dichiarato infatti, ufficialmente, Mons.Gallagher – possa in qualche modo costituire uno stimolo per porre fine in modo definitivo all’annoso conflitto israeliano-palestinese, che continua a provocare sofferenze ad ambedue le parti”. Il governo israeliano, però,  ha subito espresso il proprio “rincrescimento”: avvertendo che una tale iniziativa, anzi, facendo esplicito riferimento all’ obbiettivo dei “due Stati”,  “danneggia le prospettive per un progresso dei negoziati di pace” israelo-palestinesi. “Israele- ha sottolineato il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Emmanuel Nahshon –  non può accettare le decisioni unilaterali contenute nell’accordo, che non prendono in considerazione gli interessi fondamentali di Israele e lo speciale status storico del popolo ebraico a Gerusalemme”.
Israele potrebbe appellarsi al quadro giuridico preesistente, e specificamente all’art. 62 del Trattato di Berlino del 1878 ( sostanzialmente confermato da tutti gli accordi successivi): che, per qualsiasi modifica dello “Statu quo” dei Luoghi santi, prevede l’ indispensabilità d ‘un chiaro accordo fra tutte le parti aventi causa secondo il diritto internazionale. “Israele –  ha concluso Nahshon –  studierà in dettaglio l’accordo e le sue conseguenze sulla futura cooperazione con il Vaticano”.
   Fabrizio Federici

 

L'Autore

Lascia un commento