Non preoccuparti di cosa sta per fare qualcun altro.
Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.

Alan Kay

L’analisi. Consequences of Pope Francis visit in Egypt

0

Cairo. Pope Francis begins the worldwide wall against terrorism from Egypt meeting El Azhar Imam Al Tayeb , Pope Tawadros II and President El Sisi.

pope francis and president el sisi  7His recent visit of April 28th had a strong popular reaction against terrorism. Huge posters in the streets of Cairo with the picture of Pope Francis with El Azhar Imam Al Tayeb and Pope Tawadros II. Cairo stadium completely full to welcome Pope Francis . Egyptians , thirsty for peace and love , happy for the Pope Francis visit . The Pope Francis charisma and personality full of love and serenity talk to the heart and soul of everybody.

pope francis and president el sisi  4
He says : “This land is significant for the history of humanity and for the Church’s tradition, not only because of its prestigious past that of Pharaohs, Copts and Muslims . In this land, God spoke and “revealed his name to Moses” . On Egyptian soil the Holy Family of Jesus, Mary and Joseph found refuge and hospitality.Egypt remains in the collective memory of humanity and we all feel to be our own! As you say, “Misr um al-donya” – “Egypt is the mother of the world”. Today too, this land welcomes millions of refugees from different countries, including Sudan, Eritrea, Syria and Iraq.Thanks to its history and its particular geographical location, Egypt has a unique role to play in the Middle East and among those countries seeking solutions to pressing and complex problems that need to be faced now in order to avoid the spread of worse violence. “. In fact Islamic state , Isis claim : ” Egyptian Christians will pay a huge bill with their son’s blood ” .
pope francis and president el sisi  3

pope francis and president el  sisiPope Francis visit to Egypt is not only because the 70 anniversary of the diplomatic relationship between Vatican and Egypt, but because that last April 9th terrorist attacks in Tanta and Alexandra in Coptic churches by Isis – Muslims Brothers.

The Pope explains : “ brutal violence factors are sheer desire for power, the arms trade, grave social problems, religious extremism which use the name of Good to carry out unprecedented atrocities and injustices. “ President El Sisi, on the same page of H. H. Pope Francis from his point of view says : “Egypt is at the forefront of combating this terrorist evil. Its people are enduring, with patience, pride and sacrifice, an expensive cost for confronting this grave danger and they are determined to defeat and eradicate it, to maintain our unity and not allow it to divide us. In this context, I reiterate that the permanent eradication of terrorism requires more coordination and solidarity among peace loving nations in the international community. It requires a unified effort to dry up its sources. Eradicating terrorism requires a comprehensive strategy that takes into account not only military and security measures but also developmental, intellectual and political aspects that shall address the root causes of terrorism and prevent terrorist groups from recruiting new members. In this context, I cannot miss the opportunity to value and appreciate Pope Francis’ positions in support of promoting dialogue with the Egyptian religious institutions after pausing for years.” And President El Sisi adds to his speech : “ I appreciate Pope Francis position in support of promoting dialogue with Egyptian religious institutions after pausing for years….” .

Pausing for years…..In fact ” from years ” the action to manipulate and to divide the Egyptian People through any kind of violence and terroristic attacks was huge, is huge . And now the Egyptian economy is collapsing, and this also encourage Isis/ Muslims Brotherhoods to recruit new members.Something have to be reviewed in the Egyptian economy . Egypt has many important products and raw material to export, but the exportation is almost not existent and the importation is total! In the same time Egyptians say : “Muslim brotherhoods are not Muslims, not brothers, not Egyptians !”

And President El Sisi says : “ Our pain increases when these forces of evil claim that these acts are associated with the great religion of Islam, which is innocent of them and which they have disowned. True Islam has never commanded killing innocents or terrorizing their safety, but it has commanded tolerance, mercy and good deeds, which are beneficial to people, as well as respect for the other and his right to choose his religion and faith.”

We know that we are in a worldwide historical transition and violence in that kind of moment could be huge. To prevent violence everybody like life, their own life and the life of other, like peace and prosperity must cooperate worldwide. The organizations producing violence are very few and very well known , so one knows where to direct the action . Sure it is very important the alliance Pope Francis, President El Sisi and the religious Egyptian authorities and we wish to them all the best facing those organizations.

Italian version
Conseguenze della visita di Papa Francesco in Egitto

Cairo. Papa Francesco inizia a costruire un solido muro mondiale contro il terrorismo dall’Egitto incontrando El Azhar Imam Al Tayeb, Papa Tawadros II ed il Presidente dell` Egitto El Sisi.

La sua recente visita del 28 aprile ha avuto una forte reazione del popolo egiziano contro il terrorismo. Poster enormi per le strade del Cairo con l’immagine di Papa Francesco con El Azhar Imam Al Tayeb e Papa Tawadros II. Lo stadio del Cairo gremito ad accogliere Papa Francesco. Gli egiziani assetati di pace ed amore, entusiasti per la visita di Papa Francesco.
Il carisma di Papa Francesco e la sua personalità piena di amore e serenità parlano al cuore e all’anima di tutti, varcando qualunque frontiera.

Papa Francesco dice : “Questa terra è significativa per la storia dell’umanità e per la tradizione della Chiesa, per il suo prestigioso passato quello dei faraoni, dei copti e dei musulmani. In questa terra, Dio ha parlato e “ha rivelato il suo nome a Mosè”. Sul suolo egiziano la Sacra Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe trovarono rifugio e ospitalità.L’Egitto rimane nella memoria collettiva dell’umanità e tutti sentiamo l` Egitto essere il nostro paese! Come si dice, “Misr om al-donya” – “L’Egitto è la madre del mondo”. Anche oggi, questa terra accoglie milioni di rifugiati provenienti da diversi paesi, tra cui il Sudan, l’Eritrea, la Siria e l’Iraq.Grazie alla sua storia e alla sua particolare posizione geografica, l’Egitto ha un ruolo unico da svolgere in Medio Oriente e tra quei paesi che cercano soluzioni ai problemi pressanti e complessi che devono affrontare adesso per evitare la diffusione di peggiori violenze. “.
Infatti, lo stato islamico, Isis afferma: “I cristiani egiziani pagheranno un enorme conto con il sangue dei loro figli”.

2
La visita di Papa Francesco in Egitto non è certo solo in occasione del 70 ° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Vaticano ed Egitto, ma sopratutto per gli attacchi terroristici dello scorso 9 aprile a Tanta ed Alexandra nelle chiese copte dove i fratelli mussulmani-isis hanno ucciso 37 persone.

Il papa spiega: “i fattori di violenza brutale sono l`avido desiderio di potere, il commercio delle armi, i gravi problemi sociali, l’estremismo religioso che usa il nome del “bene” per eseguire atrocità e ingiustizie senza precedenti. ” Il Presidente El Sisi, sulla stessa pagina di H. H. Papa Francesco dal suo punto di vista dice:

“L’Egitto è all’avanguardia nella lotta contro il male del terrorismo. La sua gente sopporta, con pazienza, orgoglio e sacrificio, un prezzo costosissimo per affrontare questo grave pericolo ed e` determinata a sconfiggere e sradicare questo male, a mantenere la nostra unità e non permettere a questo male di dividerci.

In questo contesto, ribadisco che l’eradicazione permanente del terrorismo richiede un maggiore coordinamento e solidarietà tra le nazioni che amano la pace nella comunità internazionale. Richiede uno sforzo unitario per asciugare le sue fonti. L’eliminazione del terrorismo richiede una strategia globale che tiene conto non solo di misure militari e di sicurezza, ma anche di aspetti come lo sviluppo, e di natura intellettuale e politico che affrontino le cause fondamentali del terrorismo e di impedire ai gruppi terroristici di reclutare nuovi membri. “
E il presidente El Sisi aggiunge al suo discorso: “Apprezzo la posizione di Papa Francesco a sostegno della promozione del dialogo con le istituzioni religiose egiziane dopo una pausa di anni …”.

Una pausa di anni ….. Infatti, “da anni” l’azione di manipolare e di dividere il popolo egiziano attraverso qualsiasi tipo di violenza e attacchi terroristici è enorme. Ed ora l’economia egiziana e` collassata , e cio` incoraggia i fratelli Isis / Musulmani a reclutare nuovi membri e creare disordini.

Qualcosa deve essere riveduto nell’economia egiziana. L’Egitto ha molti prodotti importanti e materie prime da esportare, ma l’esportazione è quasi inesistente e l’importazione è totale!
L`Isis potrebbe avere un peso in questo.

Gli egiziani dicono: ” I “ Fratelli “ musulmani non sono musulmani, non sono fratelli, non sono egiziani”. Il presidente El Sisi dice: “Il nostro dolore aumenta quando queste forze del male affermano che questi atti criminali sono associati alla grande religione dell’Islam, che è innocente a che rigetta questa ingiusta accusa. Il vero Islam non ha mai comandato di uccidere innocenti o di terrorizzare la propria sicurezza, ma ha comandato tolleranza, misericordia e buone azioni a beneficio di tutti, nonché il rispetto reciproco e il diritto di scegliere la propia religione e fede “.
3
Sappiamo di essere una transizione storica mondiale e che la violenza in questo tipo di situazione potrebbe crescere enormemente. Per prevenire la violenza tutti, per la propria vita e la vita degli altri, per la pace e la prosperità devono collaborare in tutto il mondo. Le organizzazioni che producono violenze sono molto poche e molto conosciute. Si sa dunque dove dirigere l`azione. Certamente è molto importante l’alleanza Papa Francesco, Presidente El Sisi e le autorità religiose egiziane e desideriamo che affrontiamo le organizzazioni terroristiche col massimo impegno.

L'Autore

Lascia un commento