Compili il suo pronostico, ci penserà il futuro!

Gianni Rodari

Luiss EnLabs, la fucina delle start up in Italia

0

Vi è un luogo nel nostro Paese dove i cervelli italiani, dopo aver maturato qualificate esperienze all’estero, ritornano per costituire startup competitive? La risposta è uno dei più importanti acceleratori europei: Luiss EnLabs, nato da una joint venture tra la LVenture Group, uno dei principali investitori early stage europei e l’Università Luiss .

Le cifre relative ad esso sono notevoli: oltre 60 startup accelerate con un tasso di successo dell’80%, 49 milioni di euro investiti, 1100 posti di lavoro creati, più di 100 investitori e 200 corporate, 5.500 mq di spazio tra le città di Roma e Milano. Accanto a questi dati sono da ricordare il “Binario F from Facebook”, che è uno spazio per competenze digitali;  attraverso Futura Invest la Fondazione Cariplo ha investito 1,24 milioni di euro nella LVenture Group che ha costituito una partnership con Cariplo Factory per aumentare in maniera esponenziale la crescita di valore delle startup; ad iniziare dal 2019, investimenti pari a 145.000 euro per ciascuna startup nel programma di accelerazione, in cui l’evento finale è il demo day.

Nell’ultima edizione è stato special guest l’advisor, angel business, ex Just Eat, Giorgio Ponticelli, che  ha illustrato la sua esperienza di successo confrontandosi con i presenti su alcuni degli approcci positivi per le startup. Tra di essi ha sottolienato l’importanza del curare e coltivare sia l’intelligenza emotiva, sia la cultura con particolare attenzione a quella aziendale. Le startup presentate dal Managing Director di Luiss EnLabs Augusto Coppola nel corso della serata sono state: Lybra Tech, un software avanzato di revenue management che permette agli alberghi di raccogliere in modo automatico ed  in tempo reale, tutti i dati dell’hotel per elaborare la strategia ottimale dei prezzi.

Quanto detto utilizzando un approccio scientifico che può generare un incremento del 40% dei ricavi ed un abbattimento del 55% del tempo di analisi. Il Ceo, Fulvio Giannetti, ci ha comunicato che la piattaforma è l’unica ad avvalersi del machine learning per il revenue management, a raccogliere i dati di tour operator; inoltre ci ha confidato che è utilizzata anche dal Savoy Hotel Resort, in Portogallo, che ha tra i proprietari il calciatore Cristiano Ronaldo. Parcy è una piattaforma elaborata specificatamente per gli event manager e che consente di creare in automatico tutti i documenti e le comunicazioni necessari per organizzare una manifestazione, dal preventivo alla fatturazione.

Nello stesso tempo è un generatore di contatti ed un aggregatore di community, permettendo il coordinamento delle attività online. Il CEO Gianluca Serrenti ci ha rivelato che Parcy  è stato utilizzato con successo da parte di holding quali BMW e Wind ed è l’unico CRM (applicazione che aiuta imprese/organizzazioni ad ottimizzare le relazioni con i clienti ed i relativi dati n.d.r.) verticale sugli eventi al momento disponibile sul mercato. Zappyrent è la prima piattaforma per affitti a medio – lungo termine che digitalizza l’intero processo. Infatti, grazie ad essa è possibile visitare qualsiasi alloggio dal divano di casa attraverso la realtà virtuale, tutti i pagamenti vengono effettuati all’interno della piattaforma, senza commissioni di agenzia.

Il marketplace è gratuito per l’inquilino, al proprietario viene offerta la possibilità di un guadagno del 50% in più rispetto all’affitto tramite altri canali; inoltre può evitare estenuanti visite del suo alloggio gestendo tutto il processo all’interno della piattaforma. Pigro offre assistenti virtuali, immediatamente pronti all’uso, in grado di rispondere alle domande degli utenti utilizzando la knowledge bases aziendale (contenuti come documenti interni, contenuti web),  minimizzando l’impiego delle risorse da parte delle aziende. La tecnologia utilizzata la rende indipendente dal settore in cui opera l’azienda e dalla lingua in cui sono scritti i contenuti. Tirolibre riscrive le regole del calcio mercato dei dilettanti e semi-professionisti attraverso una piattaforma digitale in cui si incontrano direttamente squadre, calciatori e procuratori. In questa maniera si abbattono le barriere del sistema e vengono offerte maggiori possibilità ai calciatori anche al di fuori del periodo del campionato. GEC è il più grande network di e-sport in Italia producendo servizi e prodotti per il mercato di riferimento: i videogiochi competitivi, in particolare con Getpro, la piattaforma per corsi online.

 

L'Autore

Lascia un commento