La mutilazione per cui la vita perdette quello che non ebbe mai,
il futuro, rende la vita più semplice,
ma anche tanto priva di senso.

Italo Svevo

Roma. Medici al voto il 2, il 3 e il 4 dicembre. La posizione degli stranieri

0
L’Associazione Medici d’Origine Straniera in Italia (AMSI), il Movimento Internazionale “Uniti per Unire” (UxU), la Confederazione Internazionale Unione Medica Euro-Mediterranea (UMEM),”Emergenza Sorrisi (Doctors for Smiling Children” ONLUS), la Confederazione Associazionismo Sindacale Solidale Organizzato(A.S.S.O), l’ Associazione “Medicus Christi Europa”, insieme a tutte le associazioni, Ong, sindacati e comunità aderenti a UxU, sostengono la lista “MEDICI UNITI” per le prossime elezioni dell’Ordine dei Medici di Roma. In data 2, 3 e 4 dicembre, infatti, i medici di Roma e provincia si recheranno  alle urne presso l’ Ordine.

 Questa lista vuole: puntare all’unità della professione medica; porre al centro di tutto  la salute dei cittadini, garantendo loro la qualità delle cure; garantire la sicurezza dei medici; rilanciare la professione medica nella Capitale e provincia; superare la precarietà, la disoccupazione, la sottoccupazione; combattere la tecnocrazia in sanità e la sanità “low-cost”; creare un referente della professione in ogni struttura sanitaria; garantire il rispetto della libera professione medica e il riconoscimento delle discipline mediche non specialistiche ( vedere il sito:http://www.mediciuniti.it/ ). La lista è composta da esponenti della sanità romana e italiana che sono in attività professionale e impegnati in campo sociale.  
 Tra i candidati al Consiglio Direttivo, il Prof.Foad Aodi, medico fisiatra, Presidente dell’Associazione Medici d’ Origine Straniera in Italia (AMSI), fondatore di  U x U e della Confederazione UMEM: già eletto al Direttivo dell’Ordine dei Medici di Roma per tre mandati consecutivi (2003-2011), e  membro  del Consiglio Direttivo della Fondazione dell’Ordine dei Medici di Roma (2015-2017). Già esperto presso il Consiglio Superiore di Sanità e Professore a contratto in fisiatria all’Università di Roma “La Sapienza”, Aodi ha collaborato con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) dal 2000.   “Continuo a impegnarmi per l’ unità dei medici in Italia”, dichiara Aodi, “favorendo la loro collaborazione coi colleghi d’ origine straniera: come emerge dall’  attività di AMSI, portata avanti sin dal 2000 (con l’ aggiunta poi  di UxU e UMEM),  per tutelare il diritto alla salute e migliorare il SSN, organizzando più di 550 convegni e congressi in 17 anni. Vogliamo l’ innovazione e la semplificazione della burocrazia, con particolare riguardo al futuro dei giovani: cerchiamo cioè  soluzioni all’occupazione, per contrastare la fuga dei cervelli. Ringraziamo tutte le Associazioni, i medici che hanno creduto tre anni fa alla lista unitaria vincendo le precedenti elezioni; e tutti coloro che continuano a crederci, sostenendo la nostra lista “MEDICI UNITI”, per la conferma e il proseguimento del patto che fu stretto allora,  e dell’accordo che fu concluso col compianto Roberto Lala  ( scomparso a settembre 2016), che è stato Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma e segretario del SUMAI, e ha lottato molto a favore dell’unità dei medici”.  

Il 2 dicembre, infine, l’AMSI invita tutti i professionisti della Sanità, italiani e non, al secondo Convegno del suo  18esimo Corso d’ Aggiornamento internazionale, dal titolo “Urgenza in cardiologia e medicina sportiva. Diagnosi, cura e riabilitazione”, con 6 Crediti ECM per tutte le professioni; che si terrà a Roma, dalle 8.00 alle 14.00, presso la Clinica “Ars Medica”, in Via  Ferrero da Cambiano.

L'Autore

Lascia un commento