La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.

Abraham Lincoln

Simbolo, mito e rito. I luoghi del sacro

0

La casa editrice Jaka Book  ripropone il Dizionario dei luoghi sacri a cura di Mircea Eliade (1907 – 1986). Non c’è religione, né cultura religiosa, che non abbia un luogo del sacro. In esso si concentrano le tre costanti: simbolo, mito e rito. Come attestano i più affermati studiosi della materia nelle voci che compongono questo Dizionario dei luoghi del sacro, esso designa semplicemente un luogo «separato», adibito a consentire il rapporto tra gli uomini e il divino. Lo scopo a cui il luogo è destinato prevale dunque sul modo in cui è progettato e costruito.

Per gli antichi greci come per gli indiani, era sufficiente accendere un falò destinato ai sacrifici rituali all’interno di un quadrato tracciato nel terreno per ergerlo a luogo sacro, attribuendovi in tal modo un rilievo speciale. Le straordinarie inventività e creatività umane col passare dei millenni hanno poi diversificato i luoghi del sacro in forme diversissime e sorprendenti, toccando in molti casi vette nel campo dell’architettura e dell’arte.

I templi e i complessi monumentali delle grandi civiltà euroasiatiche, mediterranee, dell’Estremo Oriente, fino alle Americhe e all’Oceania sono tutti il prodotto della volontà umana di assegnare a specifici luoghi «deputati» l’incontro tra umano e soprannaturale, tra umano e divino.

Questo volume prende in considerazione non solo le «grandi religioni» ma anche i culti che, a torto, in passato sono stati considerati «minori», in cui sempre si incontrano le tre costanti del sacro: simbolo, rito e mito. I lemmi sono spesso accompagnati da schematiche illustrazioni che aiutano il lettore a comprendere meglio la struttura e l’evoluzione nel corso dei secoli degli edifici e dei luoghi in essi descritti.

L'Autore

Lascia un commento