La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.

Abraham Lincoln

Arabia Saudita: tavola rotonda del European House Ambrosetti a Riad

0

Frederico Rampini, giornalista italiano, scrittore e principale esperto di geopolitica presso The European House Ambrosetti (TEHA), ha partecipato a una tavola rotonda organizzata dal Gulf Research Center (GRC) a Riad

Negli ultimi dieci anni, l’Arabia Saudita ha subito una trasformazione “sorprendente”, aiutata da riforme interne e cambiamenti geopolitici che hanno aumentato il profilo e la rilevanza globale del Regno. A dirlo è stato Federico Rampini, giornalista, scrittore e conferenziere italiano intervenendo ad una tavola rotonda nella capitale saudita, Riad. Tema dell’incontro: “Nuova rilevanza dell’Arabia Saudita, della regione del Golfo e del Medio Oriente”. Rampini ha offerto una prospettiva globale sull’ascesa del Regno vista da Stati Uniti, Europa e Cina.

Il seminario, organizzato congiuntamente dal Gulf Research Center e dalla European House – Ambrosetti, ha esplorato le tendenze globali in economia, transizione energetica e geopolitica, che hanno aperto la strada all’emergere del Regno come peso massimo regionale.

Uno dei cambiamenti geopolitici più fondamentali degli ultimi anni è stata l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, che ha comportato le sanzioni occidentali sul petrolio e sul gas russo e ha costretto l’Europa ad allinearsi maggiormente con gli Stati del Golfo per le sue forniture energetiche.

“La guerra in Ucraina ha reciso i nostri legami decennali con la Russia per le nostre forniture di energia fossile e altre materie prime e materie prime”, ha detto Rampini al seminario.

“È stato un controshock, simmetrico e opposto a quello del 1973-79. Cinquant’anni fa dovemmo rivolgerci alla Russia dopo l’embargo petrolifero dell’OPEC legato alla guerra dello Yom Kippur. Dopo il febbraio 2022, i paesi europei hanno dovuto voltarsi nuovamente, dall’altra parte, tornando al Medio Oriente, e in particolare al Golfo”.

La necessità dell’Europa di rafforzare la propria sicurezza energetica in un contesto di aumento dei prezzi ha avuto effetti a catena anche sull’agenda delle energie rinnovabili, che ha dovuto essere messa in secondo piano. “Allo stesso tempo, la guerra in Ucraina ha messo in discussione le visioni ambientaliste più estreme, radicali e ingenue su una decarbonizzazione rapida e totale”, ha affermato Rampini.

L’Ucraina non è stata l’unico fattore a motivare questo riallineamento. Anche le interruzioni della catena di approvvigionamento indotte dalla pandemia e la guerra commerciale degli Stati Uniti con la Cina hanno aumentato l’interesse per i partenariati mediorientali, aiutati anche dalla diversificazione economica dell’Arabia Saudita.

“La pandemia e la nuova guerra fredda tra Occidente e Cina, con tutte le interruzioni nelle catene di approvvigionamento, hanno favorito un nuovo interesse verso alcuni paesi del Medio Oriente come potenziali partner nel ‘friendly-shoring’ e nel ‘de-risking’ del settore manifatturiero “, ha detto Rampini.

“Ciò è in linea con l’agenda di industrializzazione della Vision 2030 dell’Arabia Saudita”.

L’Arabia Saudita ha evitato di fungere da beneficiario passivo di questi cambiamenti geopolitici. Il Regno è stato proattivo negli ultimi anni, stabilendo collaborazioni con altre economie emergenti, comprese le nazioni africane ricche di risorse.

“Un rinnovato interesse per l’Africa, soprattutto per la sua abbondanza di risorse naturali, richiede partenariati con attori che hanno già investito lì, come l’Arabia Saudita, e che, per ragioni politiche e culturali, sono più accolti rispetto ai paesi occidentali”, ha affermato Rampini .

 

 

L'Autore

Lascia un commento