La gente ha sempre dichiarato di voler creare un futuro migliore.
Non è vero. Il futuro è un vuoto che non interessa nessuno.
L'unico motivo per cui la gente vuole essere padrona del futuro
è per cambiare il passato.

Milan Kundera

Dopo 4 secoli tornano tutti i Moralia di Plutarco. Debutto a Cheronea

0

plutarcoA distanza di oltre quattro secoli dall’ultima edizione e traduzione (latina) completa delle ottanta opere filosofiche, storiche, antiquarie e pedagogiche di Plutarco, riunite sotto il nome di Moralia, Bompiani pubblica la prima e unica traduzione completa al mondo di questo caposaldo del pensiero occidentale. Comprese le opere spurie e i frammenti.
Per quest’opera unica, occorreva una presentazione speciale, in anteprima: un gruppo di quaranta studiosi, dell’equipe dei traduttori del volume, è partito dall’Italia per arrivare, il 17 giugno, a Cheronea, la città natale di Plutarco, in Beozia.

Nella suggestiva cornice del teatro antico di quella che ora è una piccola località della Grecia centrale, con il Parnaso alla spalle, alla presenza delle autorità locali e di una rappresentanza greca della International Plutarch Society, è stato presentato il volume, in italiano, in inglese e in greco moderno, ai lontani discendenti dei concittadini di Plutarco.

Alla lectio magistralis di Giuliano Pisani, che ha dedicato oltre trent’anni della propria attività agli studi plutarchei, sono seguite le testimonianze degli studiosi, con le conclusioni di Emanuele Lelli, che ha ripercorso le tappe editoriali del progetto, iniziato oltre dieci anni fa, su impulso di Giovanni Reale.
I traduttori hanno ricevuto dal sindaco di Cheronea un’onorificenza per il loro lavoro,
che ha visto la partecipazione anche di molti ragazzi del liceo Tasso di Roma.

Plutarco
“Tutti i Moralia”
Prima traduzione italiana completa
Coordinamento di Emanuele Lelli e Giuliano Pisani Bompiani
In libreria il 28 giugno 2017
€ 70,00

Per la prima volta in un unico volume tutte le opere, compresi i frammenti, che Plutarco dedica a tutti gli ambiti del sapere, e che convenzionalmente vanno sotto il nome di Moralia.

Plutarco dedicò la sua vita alla filosofia, all’insegnamento, alla scrittura. Amato dai contemporanei, non ha mai cessato di esercitare un fascino particolare su chi sa ascoltare la sua parola. Per la prima volta in assoluto sono raccolte in un unico volume tutte le opere, compresi i frammenti, che Plutarco dedicò a svariati ambiti del sapere, e che per convenzione chiamiamo Moralia: dall’etica alla filosofia, dalla pedagogia alla politica, dalla scienza alla retorica, e molto altro ancora: storia, religione, igiene, curiosità, zoologia, cultura popolare. Quali sono i problemi più grandi per genitori ed educatori? Ci sono letture più indicate per crescere meglio? Che cos’è la vera amicizia? Come si può affrontare l’imprevedibilità della sorte? E la politica: deve guardare più all’etica o all’utile? Ed è meglio un politico giovane o uno anziano? I grandi personaggi della storia sono stati fortunati o virtuosi? E la religione è una terapia dell’anima o una convenzione sociale? A questi profondi e sempre attuali interrogativi dell’uomo Plutarco offre risposte meditate e sempre intelligenti, che condensano già ai suoi tempi secoli e secoli di riflessioni del pensiero occidentale. Oltre all’etica, alla politica, alla religione e alla pedagogia, in questo inesauribile volume si trovano però migliaia di altri temi che rispondono alle più varie curiosità, a volte sorprendenti: che cosa disse Leonida lo spartano alla moglie, prima di partire per le Termopili? Erodoto era uno storico o un maldicente? Che cosa c’è impresso sul volto visibile della luna? Gli animali sono esseri dotati di intelligenza? È giusto mangiare carne? È nato prima l’uovo o la gallina? Nel mondo ormai unificato e dominato da Roma Plutarco sembra additare in un passato già ‘classico’ le radici di ogni aspetto della vita, e soprattutto di ogni società civile fondata su religiosi valori etici e moderati principi politici.

Emanuele Lelli (Liceo Tasso e Sapienza Università di Roma), è studioso di poesia ellenistica e di letteratura scientifica e tecnica antica, della tradizione paremiografica e della cultura popolare antica e moderna (Folklore antico e moderno, Pisa-Roma 2014; Sud antico, Milano 2016). Coordina da anni gruppi di giovani studiosi in iniziative editoriali sul mondo antico (per Bompiani: Quinto di Smirne, Il seguito dell’Iliade; Ditti di Creta, L’altra Iliade; Erasmo da Rotterdam, Adagi).

Giuliano Pisani, filologo classico, storico dell’arte e scrittore, si è a lungo occupato di Plutarco. Accademico Galileiano, socio della Fondazione Lorenzo Valla, è membro del Comitato ministeriale dei garanti per la promozione della Cultura Classica in Italia. Tra i suoi libri I volti segreti di Giotto. Le rivelazioni della Cappella degli Scrovegni, Milano 20113.

L'Autore

Lascia un commento