Che ognuno avrà il futuro che si conquisterà.

Gianni Rodari

I NODI DI DRAGHI E DELLA BCE: BASTERÀ IL QUANTITATIVE EASING?

0

Il bracco di ferro all’interno della Bce tra Mario Draghi e l’ortodossia tedesca ha partorito giovedì scorso un discorso di Draghi che ha deluso i mercati finanziari che hanno registrato una forte correzione. Verso sera si diffondevano voci che riferivano che la Bce avrebbe affrontato il tema del Quantitative Easing (acquisto di obbligazioni statati e aziendali europee) nel prossimo meeting di gennaio e si appresterebbe a lanciarlo entro il primo trimestre 2015.

mario draghi quantitative easingIl dubbio sul Quantitative Easing

Il comportamento rialzista dei mercati si basa sulla convinzione del tutto fondata che il QE sia essenziale per tenere a galla la barca europea. Ne trarranno beneficio gli investitori, ma l’economia?

Il QE avrebbe avuto ben altro effetto se lanciato immediatamente dopo la crisi del 2008 ed accompagnato a politiche fiscali espansive. Ora la sua efficacia nello stimolare l’economia è molto dubbia.

Farà bene alle imprese esportatrici grazie all’ulteriore indebolimento dell’euro, ma sono quelle che sono già in grande salute, molte delle quali abbandonano il paese, dalla Fiat a Gtech (la ex Lottomatica) spostano mercato di quotazione e sede legale all’estero.

(cos’è l’alleggerimento quantitativo o quantitative easing. fonte wikipedia)

Mario Zanco

L'Autore

Lascia un commento