«Lei sogna di ..far tredici? » Ma lo farà sicuro!

Gianni Rodari

Elan, sveliamo la tecnologia dello slancio

0

innovazione_tecnologica-network_rete-250x115

Si chiama ‘Elan’ e sarà il futuro della tecnologia che unirà l’Europa all’America Latina. L’European and Latin American business services and innovation network (Elan), è infatti una piattaforma di informazioni che servirà a tutte quelle Pmi europee che vogliono entrare in contatto con il mercato d’affari di questa parte d’America. Un progetto importante, promosso dalla Commissione europea attraverso un bando e una gara d’appalto del valore di 5,5 billion di euro e a cui possono partecipare persone giuridiche senza scopo di lucro che rientrino in settori quali: associazioni attive nella ricerca o in settori tecnologici, centri di ricerca, fondazioni, istituti di tecnologie applicate, operatori del settore pubblico o semi-pubblico, sempre operanti nell’area della ricerca o tecnologia e Ong stabilite nell’Ue.

Ma in cosa consiste ‘Elan’? Parliamo nella prima fase (Component 1)di una piattaforma informativa creata per agevolare l’accesso al mercato latino americano da parte delle Pmi dell’Ue interessate. Fare inoltre da collegamento tra le imprese dei due continenti e facilitarne il coordinamento, anche attraverso un sito web sempre aggiornato, è un altro dei punti cardine del progetto. La creazione di una rete istituzionale di centri di conoscenza e innovazione latino americani ed europei, sarà poi il focus della seconda fase (Component 2), privilegiando quelle aree che offrono un ricco potenziale per l’uso della ricerca applicata nel nostro Continente.
Il 7 è un numero che riecheggia spesso all’interno del piano ‘Elan’. Sono infatti 7 le aree del progetto: dalla bioeconomia alle energie rinnovabili, dalla salute, le tecnologie ambientali a quelle tecnologie della comunicazione, delle nanotecnologie e dei nuovi materiali. E sempre 7 inoltre saranno i paesi coinvolti: Brasile, Costa Rica, Argentina, Perù, Messico, Colombia e Cile.

Un’iniziativa che sottolinea la volontà europea di creare una sinergia che possa fondere l’innovazione e la tecnologia futura dei due continenti e per la cui realizzazione occorre raggiungere un progetto presentato da un partenariato di almeno dieci istituzioni, 5 provenienti da stati dell’America Latina e altrettanti dall’Ue. L’inizio del progetto è fissato al prossimo 8 settembre, termine ultimo per presentare le relative domande di partecipazione a un programma che avrà una durata massima di 30-36 mesi. Saranno brevi allora i tempi per scoprire cosa accadrà all’innovazione euro-americana.

Sara Pizzei

L'Autore

Lascia un commento