«Lei sogna di ..far tredici? » Ma lo farà sicuro!

Gianni Rodari

Iran: manifestanti controllano la parte ovest di Teheran

0

Chi protesta controlla le strade della zona di Starkhan

Non si fermano le proteste contro il regime iraniano. Mentre si rinnovavano le manifestazioni contro l’uccisione della giovane iraniana, Mahsa Amini, all’Università di Teheran e Akbatan, gli attivisti iraniani hanno riferito che i manifestanti hanno preso il controllo delle strade a Starkhan, a ovest della capitale iraniana.

Le informazioni hanno aggiunto che un gran numero di iraniani si è unito alle proteste, che sono entrate nel loro nono giorno, secondo il sito web “Iran International”. I manifestanti sono usciti anche a Teheran, domenica sera, e hanno cantato contro i funzionari iraniani, compreso il leader supremo Ali Khamenei.

Ciò è avvenuto dopo che i manifestanti hanno lanciato slogan “Morte al dittatore” a Starkhan, in risposta all’uccisione dell’attivista Hadith Najafi, avvenuta dopo che le forze di sicurezza le hanno sparato sei volte durante la sua partecipazione alle proteste a Karaj. Le notizie apparse sui social media hanno affermato che la 20enne è stato colpito al petto, al viso e al collo dalle forze di sicurezza.

Un videoclip mostra anche l’attivista che si legava i capelli e si preparava a unirsi ai manifestanti in strada. Un secondo video mostra anche la famiglia della ragazza che piange per una sua foto su una fossa appena scavata.

Questo accade pochi giorni dopo che Mahsa Amini è stata picchiata a morte dalla polizia iraniana della “morale” per non aver rispettato le regole dell’hijab del paese. Mahsa era in visita dai parenti a Teheran quando la polizia “morale”, che fa rispettare le regole su come si vestono e si comportano le donne, l’ha fermata e poi picchiata in custodia, provocandola un infarto e la morte.

L'Autore

Lascia un commento