Il guaio del nostro tempo è che il futuro non è più quello di una volta.

Paul Valéry

Marocco: Dakhla punta a diventare hub industriale

0

Lo spiega il sindaco della città marocchina, Erragheb Hormatollah

La regione di Dakhla-Oued Eddahab è destinata a diventare un vero e proprio hub industriale, logistico e turistico, grazie al suo dinamismo e ai diversi progetti avviati dal Marocco nelle province meridionali, ha sottolineato il presidente del Consiglio municipale di Dakhla, Erragheb Hormatollah.

In un’intervista ai media italiani, Hormatollah ha affermato che la regione deve la sua attrattività e la sua apertura all’economia mondiale alla sua crescita sostenuta”, osservando che il progresso sperimentato da Dakhla-Oued Eddahab è il frutto della nuova modello di sviluppo per le province meridionali, varato su istruzioni di re Mohammed VI.

Questo nuovo modello di sviluppo offre una visione del futuro che servirà da riferimento per i programmi del Marocco fino al 2035, ha spiegato il funzionario, aggiungendo che questo progetto si basa sull’enorme potenziale economico della regione e sulle opportunità offerte in termini di creazione di ricchezza, occupazione e coesione sociale.

In tal senso, l’amministratore marocchino ha citato il programma di sviluppo urbano, che mira a rivalorizzare e sviluppare i diversi quartieri della città di Dakhla, comprese le zone periferiche, garantendo tutte le condizioni richieste in termini di qualità urbana e gestione della sua territorio.

Le componenti principali di questo ambizioso programma consistono, in particolare, nello sviluppo di strutture, abitazioni, negozi e servizi, migliorando nel contempo il paesaggio urbano, al fine di sviluppare il potenziale della città, rivitalizzare la sua economia e rafforzare la sua identità, ha dettagliato, rilevando che grande interesse sarà dato alla creazione di nuove zone industriali e alla conservazione dell’ambiente, attraverso lo sviluppo delle sue cinture verdi e dei suoi spazi e paesaggi verdi.

Secondo il Sindaco, la regione è ricca di un potenziale economico significativo e diversificato, che le consente di stimolare ulteriormente gli investitori stranieri. Il regno non ha lesinato i mezzi per valorizzare questo patrimonio e per elevarlo a destinazione privilegiata a livello internazionale.

In questa scia, Hormatollah ha citato le varie ambiziose strategie settoriali, che hanno permesso di sviluppare un’offerta attrattiva e sostenere settori ad alto valore aggiunto, in particolare agricoltura, turismo, industria, energie rinnovabili, commercio e distribuzione nonché innovazione.

Il Regional Investment Center di Dakhla Oued Eddahab fornisce anche un supporto “efficace” attraverso un processo “chiaro e semplice” di creazione e sostenibilità d’impresa durante tutte le fasi del progetto, al fine di garantire uno sviluppo socio-economico sereno, sostenibile e inclusivo del regione, ha detto, accogliendo con favore, inoltre, il rafforzamento delle infrastrutture della regione.

Per quanto riguarda la cooperazione decentrata, la città di Dakhla, perla del sud del Marocco, ha concluso diversi partenariati internazionali, in particolare un accordo di gemellaggio, siglato lo scorso settembre con il comune di Great Neck (New York), e ha intessuto accordi di gemellaggio, in Marcia con le città italiane Vibo Valentia e Crotone, con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione bilaterale nella promozione del territorio e nel rafforzamento delle capacità gestionali, ha aggiunto.

Questi accordi le forniranno influenza internazionale e prospettive di partnership che possono contribuire positivamente al suo sviluppo economico e sociale, ha affermato il Presidente del Consiglio.

Inoltre, il funzionario ha ritenuto che l’apertura di molti consolati africani e arabi a Dakhla confermi il posizionamento delle province meridionali come motore economico, ma anche politico a livello dell’Africa e del mondo arabo.

Questa dinamica avrà sicuramente un impatto positivo sullo sviluppo della città, attraverso la concretizzazione delle sue proficue e durature collaborazioni diplomatiche in grado di garantire l’influenza continentale e internazionale della città, ha spiegato.

In un altro passaggio, Hormatollah ha indicato che la regione di Dakhla-Oued Eddahab ha superato il 58% della partecipazione elettorale, prova inconfutabile dell’attaccamento dei cittadini di queste province al loro paese e del loro effettivo coinvolgimento nello sviluppo del processo. il Regno, che cura anche il rafforzamento della rappresentanza delle donne negli organi eletti.

A livello culturale ha sottolineato gli sforzi per conservare, valorizzare e promuovere il patrimonio culturale Hassani come parte integrante dell’identità culturale unita del Marocco.

L'Autore

Lascia un commento