Sogni, promesse volano... Ma poi cosa accadrà?

Gianni Rodari

Marocco: rapporto Hrw solleva aspre polemiche

0

Si tratta di un documento antimarocchino

Il 30 luglio il Marocco celebra la Festa del Trono, due giorni prima delle celebrazioni Human Rights Watch pubblica un rapporto che accusa Rabat di manovrare un ‘sistema mediatico in mano a notabili e governanti del Paese’ che sarebbe allineato con i servizi segreti e di sicurezza marocchini, un sistema mirato sostanzialmente alla diffamazione e che secondo HRW avrebbe generato una sorta di manuale di ‘istruzioni’ su come procedere.

“Un burlesco pamphlet di 141 pagine contro il Marocco – scrive il sito di informazione nordafricano Barlamane.com – un dossier pieno di frottole, e qualche piccolo fatto raccolto faticosamente giorno per giorno, evitando ogni riflessione”.

Un regalo per il Marocco un anno dopo la rivelazione e lo spettacolare fallimento dell’affare Pegasus, viene fatto notare da fonti marocchine.

Nel rapporto HRW tra l’altro cita il caso di otto persone processate per reati comuni, tra cui Omar Radi e Soulaiman Raissouni, condannati in appello nel 2022 rispettivamente a sei anni e a cinque anni di carcere per spionaggio il primo e violenza sessuale il secondo. Si parla anche di Taoufik Bouachrine, condannato a 15 anni di carcere sempre per ‘stupro’ e ‘traffico di esseri umani’. “Senza dubbio, è solo con estremo riserbo che vanno accolti i fatti esposti in questo dossier, la maggior parte dei quali sono dubbi – evidenzia Barlamane.com – e portano l’impronta della violenza dell’odio anti-marocchino; il più delle volte le osservazioni sono sommarie, i resoconti dei fatti imprecisi e partigiani”.

“HRW ha trascurato altri controlli molto più semplici – denuncia ancora il sito nordafricano – come le connessioni delle persone che ha citato, le loro reti, le loro attività, le loro risorse finanziarie, ecc. Prevale un metodo – è la denuncia- : quello che consiste nel fornire come controprova all’accusa un argomento che la confuta. Tuttavia, per chi si prende la briga di guardare e riflettere, gli elementi di verità in tutti i processi sono stati portati alla luce”.

Secondo fonti marocchine riportate da Barlamane.com il Rapporto sarebbe colmo di riferimenti errati e accrediterebbe come interlocutori di rango e indipendenti nomi noti dell’opposizione al Regno. “Citazioni di seconda mano, ipotesi azzardate – scrive Barlamane.com. “E’ sempre molto pericoloso parlare di cose che non sono state studiate, ma soprattutto è molto sgradevole sentire l’opinione non richiesta di stranieri su tutte queste questioni che non li riguardano” insiste.

“HRW, non tanto per senso di umanità quanto per calcolo, si è fatto commissario difensore e non ufficiale di alcuni individui specifici a spese di altri. Chi ha manovrato protetto dalla fortezza di HRW lo sa: il loro rapporto non è altro che una raccolta di conclusioni, il più delle volte inventate a piacere, e basate sull’incertezza del semplice sentito dire, di cui ognuno può fare a meno, se lo desidera” conclude Barlamane.

Il sito di informazione prosegue poi evidenziando: “In Marocco non esiste il reato di opinione, né di parola, né di scrittura. La libertà di stampa e di espressione è innegabile. Un anno dopo Pegasus, il Marocco chiede ancora ad Amnesty International (AI) di fornire prove “alle accuse arbitrarie” sul presunto uso di questo software”.

“Le autorità marocchine hanno nuovamente chiesto ad Amnesty International di fornire prove e argomentazioni sulle sue accuse arbitrarie relative al possesso e all’uso doloso del software Pegasus da parte del Marocco contro gli attivisti della società civile”, aveva indicato la Delegazione interministeriale per i diritti umani (DIDH), senza ottenere nulla, sostiene Barlamane.

Per Rabat, l’Ong “non è in grado di fornire argomenti inconfutabili e prove materiali a sostegno delle sue affermazioni”, mentre denuncia “accuse false e infondate”.

Barlamane.com lancia poi un’accusa conclusiva a HRW: l’Ong “non è forse caduta in una palese contraddizione denunciando la cosiddetta repressione contro gli oppositori e ringraziando al contempo alcuni avvocati e attivisti marocchini che hanno collaborato con l’ONG per la stesura del suo rapporto? In altre parole, questi avvocati e attivisti agiscono alla luce del sole e senza mai alcuna preoccupazione. La libertà di stampa utilizzata solo come un business; uno strumento politico, un mezzo di intimidazione. Con ripetuti scandali finanziari, un presidente in carica da più di trent’anni, un capo della regione MENA che è rimasto incontrastato per tre decenni, HRW deve prima fare pulizia in casa propria, invece di dare lezioni agli Stati sovrani” conclude l’editoriale del sito.

C’è stato un tempo in cui i comunicati stampa di Human Rights Watch facevano tremare i corridoi della Casa Bianca. Oggi bisogna essere una dittatura o essere ingenui per credere ancora in HRW, in gran parte finanziata da fondi discutibili e la cui parzialità è denunciata da attivisti per i diritti umani.

Ascesa e caduta di una ONG gestita per 27 anni da Kenneth Roth. La sua longevità alla guida dell’organizzazione non ha nulla da invidiare a quella dei tiranni che l’associazione sostiene di denunciare, né a quella del suo direttore per la regione MENA, Éric Goldstein, nella stessa posizione da 31 anni.

Ai tempi del suo fondatore Robert L. Bernstein, un editore idealista amante della libertà, il minimo rapporto di quella che era una delle più grandi organizzazioni per i diritti umani del mondo poteva scuotere un governo.

In una colonna ormai famosa pubblicata il 19 ottobre 2009 sulle pagine del New York Times, Bernstein ha rimproverato i leader di Human Rights Watch per aver sbagliato la missione primaria che aveva immaginato per l’organizzazione che ha guidato per 20 anni e questo nel mezzo della guerra fredda. Robert L. Bernstein è morto nel 2019 all’età di 96 anni, non senza rendere il compito più difficile ai dirigenti di HRW, definendo l’associazione “moralmente fallita”.

In effetti, sono state due lettere che hanno scosso l’organizzazione e acceso il dibattito negli Stati Uniti e nei circoli dei diritti umani. Sono stati scritti dal premio Nobel per la pace e attivista nordirlandese Mairead Maguire e dal premio Nobel per la pace attivista argentino Adolfo Perez Esquivel.

Questo fallimento morale dell’organizzazione che afferma di “difendere i diritti delle persone in tutto il mondo”, è stato oggetto nel maggio 2014 di una lettera aperta inedita di due premi Nobel per la pace e un centinaio di accademici, attivisti per i diritti umani e giornalisti di fama mondiale , come l’ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite Hans Von Sponeck, Chris Hedges, autore di “La guerra è una forza che ci dà significato” forza che ci dà significato”), inseguono Madar, autore che ha firmato “La passione di Chelsea Manning : The Story Behind The Wikileaks Whistelblower”), Norman Solomon, giornalista e attivista americano contro la guerra, Oliver Stone, regista coautore di “Forbidden History of the United States” o Keane Bhatt, scrittore e attivista, uno dei promotori di questa lettera.

Tra le critiche a Human Rights Watch c’erano la sua politica di assumere dirigenti di diverse entità dell’amministrazione statunitense, la sua incapacità di denunciare la pratica della consegna extragiudiziale, il suo avallo dell’intervento militare statunitense in Libia e il suo assordante silenzio durante il colpo di stato del 2004 ad Haiti. Ma è soprattutto lo stretto legame di HRW con il governo degli Stati Uniti e quindi la messa in discussione della sua indipendenza, su cui si soffermano i firmatari di queste lettere indirizzate a Kenneth Roth.

“Lo stretto rapporto di Hrw con il governo Usa diffonde l’apparenza di un conflitto di interessi”, con esempi a sostegno, per dimostrare che l’organizzazione è così “vicina” alla politica estera americana da essere incapace di criticarla. Ancora di più: lavora nella direzione di accompagnarlo. Da Cuba all’Ecuador, passando per la Siria, la Colombia o l’Etiopia, i rapporti e i comunicati stampa di HRW sono spesso in linea con la politica estera americana.

La diffusione di false informazioni sulla situazione dei diritti umani in Marocco, Egitto, Ruanda, RDC o Eritrea, per citare solo alcuni paesi del continente africano, rafforza l’immagine travagliata di un’associazione con manifesta parzialità le cui scelte non sono più guidate da la tutela dei diritti umani.

Un’organizzazione che risponde agli orientamenti dell’amministrazione americana

Tra le critiche a Human Rights Watch c’erano la sua politica di assumere dirigenti di diverse entità dell’amministrazione statunitense, la sua incapacità di denunciare la pratica della consegna extragiudiziale, il suo avallo dell’intervento militare statunitense in Libia e il suo assordante silenzio durante il colpo di stato del 2004 ad Haiti. Ma è soprattutto lo stretto legame di HRW con il governo degli Stati Uniti e quindi la messa in discussione della sua indipendenza, su cui si soffermano i firmatari di queste lettere indirizzate a Kenneth Roth.

“Lo stretto rapporto di Hrw con il governo Usa diffonde l’apparenza di un conflitto di interessi”, notano i firmatari, con esempi a sostegno, per dimostrare che l’organizzazione è così “vicina” alla politica estera americana da essere incapace di criticarla. Ancora di più: lavora nella direzione di accompagnarlo. Da Cuba all’Ecuador, passando per la Siria, la Colombia o l’Etiopia, i rapporti e i comunicati stampa di HRW sono spesso in linea con la politica estera americana.

La diffusione di false informazioni sulla situazione dei diritti umani in Marocco, Egitto, Ruanda, RDC o Eritrea, per citare solo alcuni paesi del continente africano, rafforza l’immagine travagliata di un’associazione con manifesta parzialità le cui scelte non sono più guidate da la tutela dei diritti umani.

Su questo, la reazione di HRW all’intervento americano in Iraq è ancora oggi un vero e proprio caso da manuale, se si considera il comunicato stampa pubblicato all’epoca dall’organizzazione: “evitiamo giudizi sulla legittimità della guerra stessa perché tendono a compromettere la neutralità necessaria per monitorare nel modo più efficace la guerra condotta”. Questo comunicato stampa aveva poi creato un tale scalpore da dividere le squadre di HRW.

Tra i casi più emblematici di “profili” doppiati dall’amministrazione americana e citati nella lettera aperta dei vincitori del premio Nobel per la pace, quello di Tom Malinowski, capo del lobbying per HRW a Washington, che in precedenza era stato assistente speciale del presidente Bill Clinton.

Era anche l’autore di discorsi per Madeleine Albright, allora Segretario di Stato. Nel 2013, Malinowski si è dimesso da HRW dopo essere stato nominato Sottosegretario di Stato per la democrazia, i diritti umani e il lavoro di John Kerry. Oggi è un deputato eletto nel 2018 sotto la bandiera del Partito Democratico.

“Attualmente”, proseguono gli autori di questa lettera aperta del maggio 2014, “il Comitato consultivo di HRW-Americas è composto da Myles Frechette, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Colombia, e Michael Stifter, ex direttore del polo dell’America Latina presso il all’interno del National Endowment for Democracy (NED), finanziato dal governo degli Stati Uniti. Più avanti nella lettera aperta: “Miguel Diaz, analista della Central Intelligence Agency (CIA) negli anni ’90, ha prestato servizio nel comitato consultivo di HRW-Americas tra il 2003 e il 2011. Oggi, Diaz è al Dipartimento di Stato”.

Un altro esempio è quello di Susan Manilow. Nella sua biografia su hrw.org, la vicepresidente del consiglio si definisce “una vecchia amica di Bill Clinton”, “molto coinvolta” nel suo partito politico e che ha “partecipato a dozzine di eventi”. .

Infine, il caso di Javier Solana, che era stato segretario generale della NATO durante l’intervento nell’ex Jugoslavia nel 1999, evento poi descritto da HRW come fonte di “violazioni del diritto umanitario internazionale”, mette in discussione il modello del “reclutamento” dell’associazione. Il diplomatico spagnolo è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di HRW nel gennaio 2011, due anni dopo l’intervento nell’ex Jugoslavia.

In un dossier il sito Atlasinfo denuncia come le fondazioni americane abbiano strumentalizzato la causa dei diritti umani e messo alla prova la stampa mondiale, con il pretesto della filantropia

Uno in particolare ha aperto la strada per quasi 40 anni: la Open Society Foundation del magnate della finanza americana George Soros. Armato del suo potere finanziario, il multimiliardario ha messo a punto un sistema di strategie di influenza che si basa sulla società civile. Lo dota di mezzi colossali per raggiungere obiettivi geostrategici ed economici intimamente legati ai circoli del potere americano.

Per un attivista che ama la giustizia e la libertà, non c’è niente di peggio che scoprire che l’organizzazione per i diritti umani a cui ha dedicato parte della sua vita si è smarrita per sottomettersi a una linea d’azione dettata dai suoi donatori, con pratiche che contraddicono le sue convinzioni .

Per un giornalista che opera all’interno di un’organizzazione che mostra l’ambizione di proteggere i giornalisti, questo è ancora più doloroso. Distribuire punti positivi o negativi, “addolcire” informazioni importanti perché coinvolge un donatore o abusare di un altro perché “uno” lo ha chiesto, è semplicemente sacrificare i propri valori morali ed etici.

Queste pratiche sono oggetto di una delle più grandi omerte degli ultimi 40 anni. I pochi giornalisti e ricercatori che hanno cercato di alzare il velo sull’opacità dei finanziamenti di queste organizzazioni sono stati definiti “sold out”, ovvero sospettati di collusione con i servizi di intelligence quando non sono stati accusati di corruzione per aver tentato di rompere il legge del silenzio attorno alla costruzione di una megastruttura internazionale, costruita per 40 anni dal miliardario americano George Soros.

Un capo di stato senza stato. Così ama definirsi l’uomo che ha fatto saltare in aria la Banca d’Inghilterra nel 1992 aggirando le falle del sistema monetario europeo. Un attacco speculativo che ha aumentato la sua fortuna e lo ha fatto pensare in grande: sottomettere il mondo al suo modello di società “aperta” e promuovere l’espansione del suo impero economico.

 

Pochi osano opporsi a lui, poiché ha investito miliardi di dollari per sviluppare una rete straordinaria con due assi essenziali: la società civile e le istituzioni governative.

Per accompagnare questa strategia è ovviamente necessario plasmare l’opinione pubblica e questo non solo attraverso i media ma tutto ciò che la supervisione, la formazione e l’organizzazione dei giornalisti possono offrire come staffetta. Così, nella rete intessuta attraverso la Open Society Foundation si trovano ONG internazionali o locali, media, comitati di protezione dei giornalisti, piattaforme di indagine collaborativa, università, gruppi di riflessione, partiti politici, sindacati e qualsiasi altra entità o persona che può esercitare un’influenza a favore del progetto George Soros, in tutto il mondo.

Per avere successo, colui che ha spinto per costruire la sua colossale fortuna nella finanza ha dovuto iniziare a costruire l’immagine di un filantropo innamorato di un’umanità traboccante.

Particolarmente satirico Il 1° settembre 1997 il Time ha dedicato una prima pagina a “San Giorgio: e le sue improbabili crociate”, che spaziavano dalla politica all’immigrazione, passando per la depenalizzazione della droga, la difesa delle minoranze e la causa LGBT+, costruendo la propria strategia su democrazia e giustizia sociale, la difesa dei deboli per provocare la caduta dei potenti, tutti coloro che comunque ostacolerebbero il suo cammino verso la costruzione di una società transnazionale.

Sul piano politico, non ha mai nascosto le sue posizioni democratiche, finanziando generosamente le campagne di John Kerry nel 2004 contro Georges W Bush, Barack Obama che aveva iniziato a sostenere come senatore dell’Illinois, Hillary Clinton di fronte a Trump nel 2016 e un corteo di senatori democratici, ovviamente, che sono tutti suoi per sempre.

In Africa, dove le attività del miliardario americano non suscitano lo stesso interesse che negli Stati Uniti o in Europa, Repubblica Democratica del Congo e Burkina Faso in particolare sono state schiacciate da manovre attribuite alle reti di George Soros. 2017, Open Society Foundation ha speso più di 70 milioni di dollari per le sue attività nel continente).

Il magnate finanziario non esita a collaborare con parte dei circoli del potere americano quando necessario. Meglio ancora: avanza sostanzialmente allo stesso ritmo della politica americana, lavorando spesso di pari passo con il NED, National Endowment for Democracy, una propaggine del Congresso americano finanziata attraverso l’USAID, l’Agenzia americana per lo sviluppo internazionale.

 

Una frase del suo ex presidente esecutivo, Allen Weinstein, riassume la sua missione, dichiarando al Washington Post nel 1991: “molto di quello che facciamo oggi è stato fatto segretamente 25 anni fa dalla CIA” hui è stato fatto segretamente dalla CIA 25 anni fa”.

Unendo i loro sforzi, la NED e la rete della Open Society Foundation avrebbero lavorato per l’emergere, la supervisione, la formazione e il finanziamento di molti movimenti di protesta in diversi paesi dove soffiava il vento della primavera araba.

George Soros è ovunque e non si offende per le contraddizioni che può presentare, come spiega Thibault Kerlinzin, autore di un’affascinante inchiesta “Soros, the Imperial”, pubblicata nel 2019. È un democratico ma pronto a confrontarsi con Repubblicani se gli affari lo richiedono. Denuncia la dipendenza dei bambini dai giochi su Internet ma è un importante investitore nei casinò. È il cantore della democrazia ma finanzia le rivoluzioni colorate.

Nel 1993 dichiarò che non avrebbe investito nei paesi in cui operano le sue fondazioni, ma l’anno successivo fece esattamente il contrario. Denuncia la corruzione e le pratiche illegali e sostiene la trasparenza, ma fa di tutto per sfuggire alle verifiche fiscali, finanziando ONG come Transparency International. Ha investimenti nell’estrazione del carbone e nel settore petrolifero, ma sposa la causa degli attivisti ambientali.

È tutto questo sia il personaggio di Soros: cinismo negli affari e una rete in almeno 100 paesi che lo accompagni nel progetto di smantellamento delle società a cui aspira, distribuendo il bello o il brutto da parte di organizzazioni non governative e dei media. Secondo Thibault Kerlirzin, che analizza il “collegamento Soros” fatto di interessi e licenziamenti, sarebbe ingenuo credere che il magnate della finanza avrebbe perso i suoi lunghi artigli che gli hanno fatto la fama di lupo di Wall Street: quando Georges Soros cede , è sempre un investimento.

“The Puppet Master”, come lo chiama Margaux Krehl in un ritratto che gli dedica su Vanityfair.fr pubblicato il 25 ottobre 2018, è lui il manipolatore descritto dai suoi avversari? Il fatto è che il nome delle sue fondazioni è associato a tutte le ONG che vorranno prendersi i miliardi che ha a disposizione, e ce ne sono molte. Dal 1984 ha iniettato più di 30 miliardi di dollari nella Open Society Foundation con l’ambizione dichiarata di promuovere “la governance democratica, i diritti umani e le riforme economiche, sociali e legali”.

Nel 2017 ha annunciato il trasferimento della cifra sbalorditiva di 18 miliardi di dollari dalla sua fortuna personale ai conti della sua fondazione, aggiungendo che alla sua morte, la maggior parte dei suoi beni sarà lasciata in eredità alla Open Society Foundation. Infine, a gennaio, George Soros ha emesso un nuovo assegno da un miliardo di dollari per un progetto di rete di università che considera il progetto della sua vita: “la sopravvivenza delle società aperte è minacciata e noi siamo di fronte a una crisi ancora più grande : cambiamento climatico”, ha spiegato durante la cena che fa ogni anno.

L'Autore

Lascia un commento