Che ognuno avrà il futuro che si conquisterà.

Gianni Rodari

Roma. I bambini delle guerre, mostra fotografica in Campidoglio

0
Una mostra fotografica racconta il dramma di ragazze e minori vittime dei conflitti armati e diventa un appello per la pace in Ucraina e laddove nel Mondo persistono guerra e violenza: l’Universities Network for Children in Armed Conflict (UNETCHAC) organizza in Campidoglio la Conferenza “Networking for a brighter future! Women and girls in the Sub- Saharan Africa: Transforming Education for a Sustainable Future”.

L’evento, organizzato in collaborazione con l’Istituto di Studi Politici S. Pio V e l’Accademia della Legalità, si svolgerà lunedì 7 marzo alle 16:00 presso la Sala Del Carroccio: nel corso della Conferenza sarà presentata in anteprima la mostra del fotografo Mohamed Keita che sarà promossa dal Network in collaborazione con la Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite a New York e sarà ospitata al palazzo delle Nazioni Unite durante la 66° Commissione sullo Status delle Donne (CSW).

 “Uno scatto mi ha reso un fotografo da rifugiato. Adesso, grazie alla fotografia e insieme all’Universities Network, posso contribuire a sensibilizzare l’attenzione delle persone sulla condizione che vivono i bambini che non solo in Africa conoscono l’esperienza della guerra”, dice Keita. “Quanto sta accadendo nel Mondo ci insegna che dobbiamo sempre lavorare insieme per proteggere i bambini”.

Le fotografie della mostra ritraggono le giovani e i bambini dell’Africa Subsahariana e raccontano l’indifferenza che, troppo spesso, rende invisibili queste vite. Una violenza che oggi si ripete anche nell’Occidente tecnologico e interconnesso, come stiamo vivendo, e che fa soprattutto dei bambini le vittime più vulnerabili.

Con la partecipazione dell’Assessore alle Politiche Sociali di Roma Barbara Funari e Andrea De Priamo, vicepresidente della Commissione Cultura del Comune di Roma, la Conferenza prevede l’intervento di rappresentanti di istituzioni, accademici, saggisti ed editori che metteranno a confronto diverse esperienze per sviluppare iniziative concrete per garantire la protezione dei minori e difendere, in particolare, il loro diritto all’istruzione costruendo insieme un futuro sostenibile.

“Sono foto particolarmente toccanti, anche in considerazione di questo particolare frangente storico. Speriamo di poter ammirare la mostra dal vivo a Roma, con la consapevolezza che il lavoro dei fotografi che hanno la capacità e il coraggio di raccontare i conflitti armati è molto importante per la nostra memoria storica”, dichiara l’Assessore Funari. “La guerra è un atto grave, ingiustificabile, inaccettabile, ed è sempre inesorabilmente una sconfitta per tutte le parti coinvolte. Alle volte può apparirci lontana, come i conflitti in Africa, alle volte è a noi vicina: ma è sempre drammaticamente reale con i suoi effetti devastanti sui civili, e in particolare sui bambini innocenti. Per questo la guerra uccide ogni giorno: uccide speranze, persone e un futuro possibile“, aggiunge la prof. Laura Guercio, Membro del Comitato di Coordinamento dell’Universities Network.

L'Autore

Lascia un commento