Non preoccuparti di cosa sta per fare qualcun altro.
Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.

Alan Kay

San Valentino, la festa no politically correct

0

San Valentino non è mai stata una festa degna di essere presa in considerazione per quanto mi riguarda. Non solo per quella storiaccia del consumismo, che tutti quelli che nella vita sono andati almeno una volta col proprio cane a Frassanito continuano a propinarci, ma perché proprio non vedo cosa ci sarebbe da festeggiare. Poi io, in fondo, sono della scuola che sostiene che bisogna stupirsi ogni giorno.Questo, devo ammetterlo, accade più che per vocazione e indole personale per il fatto che ho una discreta abilità a scegliermi uomini che agiscono quotidianamente fuori dalla comune comprensione umana. Non solo a San Valentino. E nel bene e nel male è sempre sorprendente.

No politically correct a San Valentino

San Valentino è una festa assurda, è inutile fare i politically correct, e alla fine lo sanno tutti: lo so io, lo sapete voi e ormai lo sa anche la Perugina. Sono in pochi ormai a portare avanti questa calorica e aberrante tradizione fatta di cioccolata a bordo vasca da bagno e ostriche grosse e viscide a lume di candela, con la tovaglia buona con la macchia di sugo della domenica precedente. È a causa loro, quei maledetti tradizionalisti un po’ demodè, che Groupon mi continua ad assillare con agghiaccianti sconti per acquistare cuscini personalizzati con foto e cuori come se non ci fosse un domani, set di tazzine con manici a forma di cuore, stock di cioccolatini di vario genere e offerte per l’acquisto di uno smodato numero di preservativi colorati che nemmeno impegnandomi riuscirei a terminare. Sono giorni che i miei risvegli vengono monopolizzati dall’esercito dei Valentini e ogni giorno sono costretta a immaginarmi che reazione potrei avere se un giorno mi trovassi realmente a scartare un cuscino a forma di cuore raffigurante una mia foto di coppia smarmellata. È quasi un’ossessione ormai, ho mimato talmente tante volte questa scena che vorrei proprio riceverlo questo cuscino e mettere finalmente in pratica le mie grandi doti attoriali. Purtroppo non accadrà e io non coronerò mai il mio sogno narcisistico di dormire sulla mia faccia. Ad ogni modo Groupon è solo uno dei demoni che infestano da ormai due settimane i miei risvegli perché la realtà maggiormente preoccupante è alfemminile.com e, infatti, credo sia arrivato il momento di mettere tutti i fidanzati, e aspiranti tali, in guardia su cosa potrebbe accadergli il giorno di San Valentino.

idee regalo san valentino

Idee e consigli

Innanzitutto, per chi non lo sapesse, alfemminile è un esilarante sito a cui molte donne, e qualche uomo abbastanza curioso da farmi ritenere che non abbia una squadra del cuore né una Play Station a casa, attingono per stupire, importunare e imbarazzare il proprio partner, e purtroppo non solo il 14 Febbraio. Premesso che ritengo che tutto ciò che una coppia reputi che stimoli la propria sessualità va bene anche se mi riservo di dire che il buon senso paga sempre, per esempio: introdurre un pony nella vostra camera da letto anche se dovesse piacervi non è consigliabile, anche perché la zoofilia è illegale. Tra i consigli e i suggerimenti per una serata piccante degna di nota ecco quali sono le cose che consiglio vivamente di non seguire mai se volete conservare un minimo di dignità davanti al vostro partner (ma soprattutto davanti a voi stessi).

Autostoppista: secondo il forum sedersi su una sedia nella propria cucina fingendo di guidare una macchina e mettere il vostro partner come un deficiente con il pollice all’insù è sicuramente un ottimo afrodisiaco. Le varianti possibili, a cui ho pensato, sono chiaramente: autista di tir per chi possiede sgabelli molto alti e motociclista per chi ha uno scolapasta che creda valga la pena di mettere in bella mostra. Ma la mia domanda è: siete sicuri che trovandovi impegnati alla guida di una sedia il risultato non sia che arriveranno quelli vestiti di bianco con le camicie con le maniche lunghe lunghe che non servono per il bondage?

Forza Lavoro: premesso che in casa mia non è mai entrato né un idraulico né un qualsiasi altro genere di operaio fico: avete veramente il coraggio di far trovare a quello che diventerà il vostro ex una bella divisa da giardiniere piegata ai piedi del letto? Se non l’abbiate capito il suggerimento di alfemminile è: fate travestire il vostro uomo da sconosciuto, fatelo scendere fino al citofono con qualsiasi condizione climatica, costringetelo a citofonare e presentarsi come l’idraulico di turno, apritegli in deshabillé e molestatelo. Se sarà così bravo a immedesimarsi vi arriverà una denuncia: come la zoofilia anche le molestie sessuali sul lavoro sono illegali.

In cella: è la soluzione che preferisco perché se io tornando a casa vi trovassi con le manette in una cella fai da te vi lascerei a marcirci dentro per il resto dei vostri giorni. Non sono previsti indulti, domiciliari, grazie e sospensioni della pena.

40 giorni e 40 notti: questo è l’erotismo basato sullo sfinimento e l’accanimento verso quel disgraziato del vostro partner. Non vi fate mai venire assolutamente in mente di regalare né a San Valentino, né in qualcun’altra circostanza, un calendario di cosa dovrà subire per 40 notti. La cosa più inquietante è che in 40 notti i malcapitati passeranno per tutte quelle ardue prove che, se l’avessero saputo, avrebbero partecipato all’Isola dei Famosi. Saranno idraulici, autostoppisti, si troveranno a ingoiare ostriche dal vostro sterno e il letto infestato da petali di rosa che, risaputamente, puzzano di cimitero.

Fatevi un regalo a San Valentino, venite a trovarmi.

Martina Di Matteo

L'Autore

Lascia un commento