Il guaio del nostro tempo è che il futuro non è più quello di una volta.

Paul Valéry

L’ATTACCO IN SINAI E ALLA RAGAZZA IN PIAZZA TALAAT HARB

0

About Sinai Attack and Talaat Harb Square Girl

At least 26 killed, more than 100 wounded in North Sinai rocket attack

At least 26 people, including civilians, were killed Thursday when a series of militant attacks, involving “car bombs” and  mortar rounds, struck several army and police positions in Egypt’s volatile Sinai Peninsula, medical and security sources said. A source in the local ambulance services said that 105 have been injured in the attacks in the town of Al-Arish, in North Sinai, where the army is battling an Islamist insurgency that has spiked since the 2013 ouster of Islamist president Mohamed Morsi. Suspected militants fired mortar rounds and used “car bombs” in the consecutive attacks that targeted the headquarters of the North Sinai security directorate in the provincial capital of Al-Arish, a nearby army base, a hotel and several security checkpoints, state TV and the Ahram Arabic news website reported. (More…)

Shaimaa El-Sabag shot dead in Cairo as policedisperse leftist march

sinai-penisolaShaimaa El-Sabag, one of dozens of marchers, was shot by pellets at close range, according to a statement issued by the party. The march was heading to Tahrir Square from the nearby Talaat Harb roundabout, before it was interrupted by police forces.

Italian MPs ask Egypt to investigate death of demonstrator

The Italian parliament has asked Egypt for an explanation regarding the death of a young mother during a peaceful protest in Cairo on Saturday. A parliamentary delegation of Marco Di Lello, leader of the Italian Socialist Party (PSI), and Pia Locatelli, honorary president of the Socialist International Women and Socialist MP, handed over a letter signed by nearly 200 MPs to Egypt’s Ambassador to Italy, Amr Helmy. In the letter, which was also sent to the Italian ambassador in Cairo, the Italian MPs ask President Al-Sisi to shed light on the death of Shaimaa El-Sabbagh, a young activist of the Socialist Popular Alliance party.

So, what’s the deal?

Why those honorable parliament members had been so intrigued by this girl who had been assassinated while holding flowers? Why this angel girl holding flowers had been shot dead and not anyone else? Why hundreds of people who had been assassinated by the terrorists allied with the Muslim Brotherhood did not raise such a reaction among those honorable PM? The most logic answer would be: This girl had been sacrificed by some criminal politicians to get an international condemnation to Egypt. Yes, but a person could not be criminalized without investigation. This is true in theory. But in practice, with a biased media, you get the news, you get the accusation, and that’s it. So, what’s the deal?

Third party syndrome Sindrome di terze parti

In Egypt we have a long and dramatic history about the “third party”. This is the strong point of the Muslim Brotherhood criminal members. Let the people protest in front of security forces. Send a sniper and kill some of those protesters. That’s it. It will be a chaos during which anything would happen. This is what we call “the third party syndrome” which had been implemented during theUkraine events.

Two faces

So the strategy is crystal clear:

Step 1

Criminalize the regime with such dramatic events.

Step 2

This criminal regime that is killing his citizens lost his legitimacy.

Step 3

Now, any terrorist attack against this “criminal regime” is legal and mostly welcomed by the honest international community to get rid of a tyrant.

Step 4

The terrorist becomes “saint” and the State becomes a terrorist regime.

By the end of the day, the media and the reporters are those who decide who the terrorists are and who the victims are. But the Egyptian people cannot be fooled again. They know very well who the terrorist is and who the victim is.

 

L’attacco in Sinai ealla ragazza in piazza Talaat Harb

 

At least 26 killed, more than 100 wounded in North Sinai rocket attack

Shaimaa El-Sabag

Shaimaa El-Sabag

Almeno 26 persone, tra civili, sono stati uccisi giovedì quando una serie di attacchi dei militanti, che coinvolge “autobombe” e colpi di mortaio, ha colpito diverse posizioni dell’esercito e della polizia nella pericolosa Penisola egiziana del Sinai, fonti mediche e della sicurezza hanno riferito. Una fonte dei servizi di ambulanza locale ha detto che 105 persone sono state ferite negli attacchi nella città di Al-Arish, nel Sinai del Nord, dove l’esercito sta combattendo una rivolta islamista che ha raggiunto il picco dal 2013 con la cacciata del presidente islamista Mohamed Morsi. Sospetti militanti hanno sparato colpi di mortaio e usato “autobombe” negli attacchi consecutivi che hanno colpito la sede della direzione della sicurezza del Sinai del Nord nella capitale della provincia di Al-Arish, una base militare nelle vicinanze, un albergo e diversi sicurezza posti di blocco, tv di Stato e il sito web di notizie in arabo Ahram  (Di più..)

Shaimaa El-Sabag shot dead in Cairo as policedisperse leftist march

Shaimaa El-Sabag, una delle decine di manifestanti, è stata colpita da una pallottola a distanza ravvicinata, secondo una dichiarazione rilasciata dal partito. La marcia si stava dirigendo a piazza Tahrir dalla vicina rotatoria Talaat Harb, prima di essere interrotta da forze della polizia.

Italian MPs ask Egypt to investigate death of demonstrator

Il Parlamento italiano ha chiesto all’Egitto una spiegazione per quanto riguarda la morte di una giovane madre nel corso di una protesta pacifica al Cairo il Sabato. Una delegazione parlamentare di Marco Di Lello, leader del Partito Socialista Italiano (Psi), e Pia Locatelli, presidente onorario del socialista internazionale delle donne e socialista Mp, ha consegnato una lettera firmata da quasi 200 parlamentari per l’ambasciatore egiziano in Italia, Amr Helmy. Nella lettera, che è stata inviata anche all’ambasciatore italiano al Cairo, i parlamentari italiani chiedono Presidente Al-Sisi di far luce sulla morte di Shaimaa El-Sabbagh, un giovane attivista del partito socialista Alleanza Popolare.

Allora qual è il problema?

Perché quei parlamentari onorevoli sono stati così incuriositi da questa ragazza che è stata assassinata mentre tiene i fiori? Perché questo angelo di ragazza in possesso di fiori è stata colpita a morte e non qualcun altro? Perché centinaia di persone che sono state assassinate dai terroristi alleati con i Fratelli Musulmani non hanno sollevato una tale reazione tra quell’onorevole delegazione di parlamentari? La risposta più logica sarebbe: Questa ragazza era stata sacrificata da alcuni politici criminali per ottenere una condanna internazionale per l’Egitto. Sì, ma una persona potrebbe non essere criminalizzata senza indagini. Ciò è vero in teoria. Ma in pratica con un supporto di parte, si ottiene la notizia e si ottiene l’accusa, e il gioco è fatto. Allora, qual è il problema?

Sindrome della terza parte

In Egitto abbiamo una lunga e drammatica storia della “terza parte”. Questo è il punto di forza dei membri criminali Fratelli Musulmani. Lasciate che la gente protesti davanti alle forze di sicurezza. Si manda un cecchino che uccida alcuni di questi manifestanti. Questo è tutto. Sarà un caos durante il quale nulla sarebbe accaduto. Questo è ciò che noi chiamiamo “la sindrome di terzi”, che è stata attuata durante gli eventi the Ukraine.

Due facce

Quindi la strategia è cristallina:

Step 1

Criminalizzare il regime con tali eventi drammatici

Step 2

Questo regime criminale che sta uccidendo i suoi cittadini ha perso la sua legittimità.

Step 3

Ora, un attacco terroristico contro questo “regime criminale” è legale e soprattutto accolto dalla comunità internazionale onesta per sbarazzarsi di un tiranno.

Step 4

Il terrorista diventa “santo” e lo Stato diventa un regime terrorista.

Entro la fine della giornata, i media e i giornalisti sono quelli che decidono chi sono i terroristi e chi le vittime. Ma il popolo egiziano non può essere ingannato di nuovo. Sa molto bene chi è il terrorista e chi la vittima.

Paul Attallah

 

 

L'Autore

Il Cairo

Lascia un commento