La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.

Abraham Lincoln

Terrorismo e estremismo venti anni dopo l’11 Settembre. Tavola rotonda virtuale con gli esperti di tutto il mondo

0

 

Nell’ambito della campagna europea contro l’estremismo e il terrorismo, l’Assemblea europea contro l’estremismo e il terrorismo, in collaborazione con l’ufficio del ministro Jamal Sanad Al-Suwaidi, Vicepresidente del Consiglio di fondazione dell’Emirates Centre for Strategic Studies and Research, l’Istituto austriaco per le relazioni internazionali di Vienna, il Centro governativo europeo per la comunicazione strategica a Bruxelles, l’Associazione della stampa europea per il mondo arabo a Parigi e l’Accademia europea per lo sviluppo e la ricerca in Belgio, hanno organizzato una tavola rotonda virtuale sulla piattaforma Zoom.

Alla conferenza dal titolo “Politiche internazionali contro l’estremismo e il terrorismo 20 anni dopo l’11 settembre: cosa c’è tra realtà e speranza » hanno partecipato accademici, politici, specialisti e diplomatici provenienti da più di 20 paesi in tutto il mondo, tra cui gli Stati Uniti Stati d’America, Emirati Arabi Uniti, Regno dell’Arabia Saudita, Francia, Spagna, Belgio, Italia, Austria, Germania e Svezia: il Principe Turki Al-Faisal, Presidente del Consiglio di Amministrazione del King Faisal Center for Ricerca e studi islamici, il Ministro Prof. Jamal Sanad Al-Suwaidi, Vice Presidente del Consiglio di fondazione dell’Emirates Centre for Strategic Studies and Research ad Abu Dhabi, Gilles de Kerchove, Ex coordinatore antiterrorismo dell’Ue, l’ambasciatore Lincoln Bloomfield Jr. ex funzionario della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, l’on. Gennaro Migliori, deputato al Parlamento Italiano, presidente dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo,. Charlie Weimers, membro svedese del Parlamento europeo; Doug Bandow, senior fellow presso il Cato Institute for Studies negli Stati Uniti d’America, Magnus Norell, Adjunct Scholar presso il Washington Institute for Near East Policy,. Daniella Pisoiu, Senior Researcher presso l’Austrian Institute for International Affairs (OIIP) , e la Eva Saenz-Diez, ricercatrice presso la Germac, università cattolica di Lovanio.

La tavola rotonda ha affrontato in modo approfondito le politiche internazionali di contrasto all’estremismo e al terrorismo degli ultimi vent’anni e le trasformazioni internazionali in questo contesto, soprattutto in termini di ruolo dell’istruzione e degli sforzi intellettuali per combattere questa minaccia, oltre all’urgente necessità di intensificare sforzi internazionali per combattere la retorica dell’estremismo e dell’odio che minacciano le società umane. I partecipanti hanno espresso apprezzamento per gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti nella lotta all’estremismo e l’impegno alla diffusione di politiche di tolleranza e dialogo, e gli sforzi del Ministro  Jamal Sanad Al-Suwaidi in questa direzione , in particolare attraverso il suo libro “The Mirage”, con il quale è stato candidato al Premio Nobel per la Letteratura nel 2019 e 2020.

Ha aperto i lavori Nidal Shoukeir, consulente governativo e professore di comunicazione strategica e relazioni governative a Parigi, ha sottolineato la necessità di continuare e intensificare gli sforzi internazionali contro l’estremismo e il terrorismo, oltre a rafforzare le politiche internazionali per combattere il discorso dell’estremismo e odio, che è aumentato notevolmente negli ultimi tempi. Shoukeir ha affermato che “oggi, alla luce della diffusione senza precedenti dell’estremismo e dell’incitamento all’odio, la priorità deve essere data all’incoraggiare gli sforzi intellettuali e l’educazione come strumento di prevenzione”. A nome dei partecipanti, ha invitato i governi a formulare materiali educativi per combattere l’estremismo e il terrorismo e ad includerli nei programmi di studio. Shoukeir ha elogiato gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti nella lotta all’estremismo e al terrorismo, e ha definito esemplare la politica “di Abu Dhabi in questo contesto indicandola come la via da seguire, soprattutto in termini di diffusione della cultura della tolleranza e del dialogo .”

Il  Principe Turki Al-Faisal, nel suo discorso, ha fatto riferimento alle misure “soft” adottate dal Regno dell’Arabia Saudita come parte di un ampio nel suo discorso, ha fatto riferimento alle misure “soft” adottate dal Regno dell’Arabia Saudita come parte di una strategia di riforma globale dello Stato nella sua guerra contro il terrorismo e l’estremismo. La massima leadership religiosa del Paese, nota come Council of Senior Scholars, ha emesso una fatwa che condannavafermamente il terrorismo. Sono state inoltre adottate ulteriori misure per rafforzare la vigilanza a livello locale attraverso l’istituzione del Centro globale per la lotta all’ideologia estremista e utilizzando tutte le piattaforme dei media per condannare l’idea di terrorismo e atti terroristici, sottolineando il vero significato dell’Islam come religione di pace, misericordia e tolleranza.

Da parte sua, il ministro Prof. Jamal Sanad Al-Suwaidi ha apprezzato gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti, che hanno lanciato una serie di iniziative e progetti per promuovere il dialogo tra culture e civiltà diverse e per consolidare la tolleranza e l’inclusione. Ha detto: “Ci concentriamo su legislazioni e politiche che contribuiscono a imporre la tolleranza culturale e religiosa attraverso il dialogo”.

Gilles de Kerchove, ex coordinatore antiterrorismo dell’UE, ha sottolineato l’importanza di utilizzare le moderne tecnologie e l’intelligenza artificiale per contrastare il terrorismo elettronico e l’incitamento all’odio diffuso sui social media e ha rimarcato che dagli attacchi dell’11 settembre 2001, il mondo è riuscito in una certa misura a sostenere un discorso alternativo parallelamente alla retorica estremista. Ha anche lui elogiato il modello degli Emirati nella lotta all’estremismo e al terrorismo e il ruolo di Abu Dhabi nella diffusione del dialogo e delle politiche di tolleranza per combattere la retorica dell’estremismo e dell’odio.

L’ambasciatore Lincoln Bloomfield Jr, ex funzionario della sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha chiesto di riconsiderare il lavoro delle istituzioni penali e delle carceri, che sono diventate incubatrici di ideologia terroristica e ha evidenziato la necessità di riformare i sistemi giudiziari attraverso una nuova legislazione e l’importanza di diffondere un discorso alternativo alle idee e alle ideologie estremiste per assediarle e impedirne la diffusione.

L’on. Gennaro Migliori, deputato al Parlamento italiano e presidente dell’Assemblea parlamentare del Mediterraneo, ha sottolineato l’importanza di trovare meccanismi basati sulla lotta alla corruzione e ai gruppi estremisti, considerando che questi fenomeni hanno ampiamente attraversato i confini e minacciano i diritti umani più elementari. Il terrorismo non ha religione, razza o confini.

Charlie Weimers il membro svedese del Parlamento europeo, ha tracciato una netta distinzione tra il discorso dell’estremismo violento e quello non violento, invocando la strada della cultura e dell’istruzione per la diffusione del dialogo e della tolleranza.

Sulla stessa linea d’onda Eva Saenz-Diez, ricercatrice presso l’Istituto Germac dell’Università Cattolica di Lovanio e Daniella Pisoiu, ricercatrice senior presso l’Istituto austriaco per le relazioni internazionali di Vienna. diare.

Doug Bandow, Senior Fellow presso il Cato Institute for Studies negli Stati Uniti d’America, si è soffermato sull’importanza di trarre insegnamento dalle esperienze degli ultimi anni nella lotta all’estremismo e al terrorismo, e muoversi verso lo sviluppo di nuove e più efficaci politiche internazionali basate su educazione e discorsi alternativi per combattere questo flagello.

Magnus Norell, Adjunct Scholar presso il Washington Institute for Near East Policy, ha sottolineato l’importanza del ruolo degli intellettuali nell’introdurre la società alla realtà dell’estremismo, definendo il libro “The Mirage” di Al-Suwaidi, un’esperienza di successo e importante in questo contesto.

L'Autore

Lascia un commento