La mutilazione per cui la vita perdette quello che non ebbe mai,
il futuro, rende la vita più semplice,
ma anche tanto priva di senso.

Italo Svevo

Yemen: folla celebra rivoluzione di settembre a Sana’a

0

E’ la prima a Sana’a da quando le milizie hanno preso il controllo della capitale nel 2014

La milizia ribelle Houthi ha arrestato alcuni giovani che hanno festeggiato, lunedì sera 26 settembre, in piazza Al-Sabaeen, nel cuore della capitale Sana’a, per celebrare, il 60° anniversario della rivoluzione del 26 settembre. Si tratta della prima manifestazione di questo genere che si registra da quando i ribelli filo iraniani hanno preso il controllo della città.

L’agenzia di stampa yemenita, “Khabar”, ha citato testimoni oculari a Sana’a che hanno affermato che la milizia ha arrestato diversi giovani che sono usciti per partecipare alla celebrazione di massa spontanea per l’anniversario della rivoluzione del 26 settembre in piazza Al-Sabaeen.

La milizia filo-iraniana aveva chiuso una serie di strade che portavano alle piazze Al-Sabaeen e Tahrir, che rappresentano i luoghi dove ha avuto inizio la rivoluzione del 26 settembre 1962 che rovesciò l’ex regime nello Yemen settentrionale, con il pretesto di allentare il traffico, ma il vero obiettivo era quello di impedire ai cittadini di festeggiare e per paura di qualsiasi rivoluzione contro il proprio regime.

L’ufficio stampa del ministero dell’Interno del governo della milizia Houthi, non riconosciuto a livello internazionale, ha ammesso l’arresto di alcuni cittadini e automobilisti (che celebravano la rivoluzione del 26 settembre) in alcune strade di Sana’a. Gli attivisti sui social media hanno pubblicato scene di manifestanti che scandivano lo slogan: “Con le nostre anime e il nostro sangue, ti redimeremo, Yemen”.

La milizia Houthi ha cambiato negli ultimi anni i nomi di alcune strade e scuole, e persino di aule delle università governative, piazze e musei relative alla rivoluzione del 26 settembre, ha distorto i curricula scolastici e cancellato tutte le lezioni relative alla rivoluzione.

L'Autore

Lascia un commento