Il futuro entra in noi, per trasformarsi in noi,
molto prima che accada.

Rainer Maria Rilke

Yemen: Gli Houthi faranno fallire il processo di pace ?

0

Qual è il futuro della pace nello Yemen dopo la recente azione ostile degli Houthi contro i membri delle Forze di Difesa del Bahrein?

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha fatto una telefonata al re del Bahrein, Hamad bin Isa Al Khalifa. Durante la quale ha espresso le sue “condoglianze per i soldati del Bahrein uccisi al confine tra Arabia Saudita e Yemen.

Una dichiarazione del Ministero degli Esteri saudita ha ribadito la posizione del Regno. Chiede di fermare il flusso continuo di armi alla milizia terrorista Houthi. Di impedire l’esportazione nello Yemen e garantendo che non violino le risoluzioni delle Nazioni Unite.

Gli osservatori hanno trovato strano questo “atto ostile”, soprattutto perché è avvenuto in un clima “positivo” nel percorso verso la soluzione politica nello Yemen sostenuta da Riad. Città che è stata visitata da una delegazione proveniente dalla capitale Sana’a, e culminata in un incontro che ha riunito i membri della delegazione con il ministro della Difesa saudita, il principe Khalid bin Salman, insieme a una delegazione dell’Oman proveniente dal Sultanato.

Pertanto, la “Coalizione per sostenere la legittimità nello Yemen” ha ritenuto che “tali ripetute azioni ostili e provocatorie non sono coerenti con gli sforzi positivi compiuti nel tentativo di porre fine alla crisi e raggiungere una soluzione politica globale”.

La direzione delle forze congiunte della coalizione, che ha espresso il suo “rifiuto delle ripetute provocazioni”, ha affermato che “si riserva il diritto di rispondere al momento e nel luogo appropriati”.

Quanto sopra indica che l’“azione ostile” nei confronti dei soldati del Bahrein sarà affrontata dall’Arabia Saudita attraverso la sua visione a lungo termine, che segue due linee parallele: la prima è il sostegno alla soluzione politica nello Yemen, la seconda sono le operazioni di deterrenza militare che ristabiliscono la “tregua” e stabiliscono il cessate il fuoco.

Il governo saudita, dal momento del suo sostegno al “governo legittimo” nello Yemen e alla via del dialogo e della soluzione diplomatica, si rende conto che ci sono grossi ostacoli. Che una vera svolta positiva richiede la sincerità delle intenzioni e delle azioni degli “Houthi”.

E’ necessario che tutti gli elementi armati siano controllati, in modo che la sua leadership politica e militare aderisca a ciò che viene concordato nei colloqui di pace. Che ciò venga attuato sul campo controllando tutti gli elementi che effettuano attacchi “ostili” contro i confini sauditi o installazioni civili, economiche e militari.

Il portavoce ufficiale degli Houthi, Muhammad Abdel Salam, ha parlato in precedenza al quotidiano Asharq Al-Awsat dell’“atmosfera positiva” e, attraverso il suo account sulla piattaforma X, ha indicato che ci sono sforzi per raggiungere un “accordo giusto e globale”.

Tuttavia, la recente operazione militare solleva interrogativi sulla portata dell’impegno degli Houthi rispetto a ciò che è stato discusso e concordato. Se esiste una tendenza che li governa tutti, o se ci sono discrepanze, conflitti e differenze di idee tra i leader Houthi.

Il principe ereditario Mohammed bin Salman, durante un’intervista con Fox News questo settembre, ha parlato della pace nello Yemen, dicendo:
“Attendiamo con impazienza che la regione e tutti i suoi paesi godano di sicurezza e stabilità per svilupparsi e avanzare economicamente. Il Regno di L’Arabia Saudita è il più grande sostenitore dello Yemen in passato e oggi”. In futuro, attendiamo con impazienza una soluzione politica sostenibile”.

L’enfasi del principe Mohammed bin Salman nel sostenere lo Yemen e nel fornire un ambiente per una soluzione pacifica è un’opportunità per porre fine alle sofferenze degli yemeniti. Gli Houthi devono affrontare seriamente gli sforzi sauditi, evitando di distribuire ruoli, creare problemi o tentare di raggiungere una soluzione pacifica. demolire ciò che è stato costruito negli ultimi lunghi mesi.

L'Autore

Lascia un commento