La mutilazione per cui la vita perdette quello che non ebbe mai,
il futuro, rende la vita più semplice,
ma anche tanto priva di senso.

Italo Svevo

Yemen: Masam, strada per liberare paese da mine ancora lunga

0

Il progetto saudita in Yemen ha eliminato più di 450 mila mine

Il capo del Progetto Masam dell’Arabia Saudita ha affermato che c’è ancora molta strada da fare nonostante abbia eliminato più di 450 mila mine terrestri e residuati bellici esplosivi nello Yemen.

“C’è ancora molta strada da fare per raggiungere uno Yemen libero dalle mine”, ha affermato in una nota l’amministratore delegato del progetto, Ousama Al-Gosaibi all’agenzia di stampa saudita “SPA”.

Almeno dal 2015, le milizie Houthi hanno piantato mine terrestri – convenzionali e improvvisate – in “quantità e sofisticatezza che superano di gran lunga i limiti ragionevoli”, ha affermato Al-Gosaibi.

Masam è un progetto umanitario di sminamento nello Yemen lanciato dall’Arabia Saudita nel 2018. Dal suo avvio, le squadre Masam hanno rimosso più di 450 mila esplosivi.

Al-Gosaibi ha affermato che il progetto continua a svolgere il suo lavoro in “circostanze eccezionali in ogni senso della parola, in particolare perché le operazioni militari e di posa delle mine non si sono ancora fermate”.

Ha anche notato quanto sia difficile il lavoro a causa della mancanza di mappe dei campi minati e della “difficoltà del terreno” in cui si trovano o si sospetta che siano localizzati i campi minati.

Le milizie Houthi continuano a progredire e ad evolvere la produzione e l’impianto di queste mine terrestri in tutto il territorio yemenita, ha affermato.

Date le difficili circostanze, Al-Gosaibi ha elogiato la cooperazione del popolo yemenita con le squadre di sminamento del progetto, che in parte fanno affidamento su segnalazioni civili di sospetti campi minati per svolgere le loro operazioni.

L'Autore

Lascia un commento