Sogni, promesse volano... Ma poi cosa accadrà?

Gianni Rodari

Cop28: esperti riconoscono sforzi sauditi per sviluppo sostenibile

0

Durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Dubai

Gli esperti presenti alla Cop28 di Dubai hanno riconosciuto il ruolo positivo che il settore privato sta svolgendo nel promuovere lo sviluppo sostenibile in Arabia Saudita.

Il quadro è emerso attraverso una serie di tavole rotonde tenutesi presso il padiglione saudita il quarto giorno della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2023.

I colloqui hanno esaminato diversi argomenti, tra cui la rimozione del carbonio, la sostenibilità aziendale e i meccanismi del mercato interno.
Relatori di organizzazioni governative, aziende e organizzazioni internazionali, nonché think tank e società di consulenza, hanno fornito approfondimenti sulla situazione attuale. I colloqui si sono estesi oltre gli obiettivi di emissione di carbonio concordati nell’ambito dell’accordo di Parigi, approfondendo le conversazioni sulla Vision 2030 stabilita dal principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman.

Come componente fondamentale della Saudi Vision 2030 e mezzo per diversificare l’economia, Hajar Al-Gosair, responsabile della sostenibilità presso il Ministero dell’Economia e della Pianificazione dell’Arabia Saudita, ha osservato, parlando a un panel sulla sostenibilità aziendale, che gli sforzi ambientali all’interno del Regno non può essere limitato al solo settore pubblico o governativo.

Tra le forze trainanti c’è un comitato direttivo presieduto dal ministro saudita dell’Economia e della Pianificazione Faisal Al-Ibrahim, con la partecipazione di oltre 20 entità di enti privati e governativi, ha sottolineato.

Al-Gosair ha citato attori chiave come l’Autorità per il mercato dei capitali, il Ministero dell’Energia e il Ministero degli Investimenti, nonché membri del settore privato, come l’azienda alimentare Al-Marai e l’azienda di energia rinnovabile Desert Technologies, per i loro sforzi nel guidare modifica.

Al panel, i funzionari di Al-Marai e Desert Technologies hanno delineato le azioni intraprese dalle rispettive società per ridurre le emissioni di carbonio.

Saudi Aramco ha recentemente annunciato il lancio di un fondo di venture capital da 1,5 miliardi di dollari per investire in tecnologia che accelererà l’iniziativa net-zero. “Questa è una delle cose che sta facendo una delle aziende leader”, ha detto Al-Gosair.

Gli esperti sottolineano che il passaggio al raggiungimento dello zero netto non riguarda esclusivamente le grandi aziende, soprattutto perché il governo saudita è desideroso di promuovere la crescita delle piccole e medie imprese. Pertanto, l’adozione di pratiche sostenibili e l’accessibilità alla finanza verde devono estendersi alle PMI, in linea con l’obiettivo più ampio di promuovere la responsabilità ambientale in diversi settori economici.

“Deve scendere dai progetti più grandi al centro del mercato e al settore delle PMI. L’Arabia Saudita ha una forte ambizione di costruire il settore delle PMI come parte della sua economia”. Lo ha detto Tony Cripps, amministratore delegato della Saudi British Bank.

Discutendo dei settori dell’economia in cui la finanza verde è stata o potrebbe essere applicata in futuro, Cripps ha espresso ottimismo per il suo impatto sulla tecnologia emergente e sui trasporti verdi.

Nel suo discorso, Al-Gosair ha affermato che all’inizio del 2024 il Regno intende lanciare standard di reporting sullo sviluppo sostenibile per le aziende, rendendo l’Arabia Saudita il primo dei paesi del G20 ad avere uno standard di reporting allineato alle migliori pratiche internazionali.

 

 

L'Autore

Lascia un commento