Il guaio del nostro tempo è che il futuro non è più quello di una volta.

Paul Valéry

Arabia Saudita: governo copre i costi degli sfollati

0

Lo Stato dovrà sostenere i costi governativi degli sfollati che si trasferiscono nel Regno

Il governo dell’Arabia Saudita ha concordato che lo Stato sosterrà i costi governativi di ricollocazione e cambiamento di status per gli sfollati provenienti dai paesi vicini a cui è concesso il permesso di vivere nel Regno.

Le autorità pagheranno tasse relative a residenza, permessi di lavoro, cambiamenti di impiego e datore di lavoro, tasse di trasferimento di servizi, tasse di modifica della professione e costi alle imprese del settore privato per l’assunzione di espatriati per un periodo di quattro anni. Lo ha riferito l’agenzia di stampa saudita “SPA”.

Il Regno coprirà anche tutte le spese precedentemente sostenute e le eventuali multe relative alle violazioni delle norme sulla residenza da parte degli individui e dei loro accompagnatori.

La decisione è stata presa durante la riunione settimanale del Consiglio dei ministri, presieduto dal principe ereditario Mohammed bin Salman a Jeddah, che si è conclusa in tarda notte.

All’inizio della sessione, il principe ereditario ha elogiato il re Salman e gli sforzi congiunti delle agenzie statali per fornire servizi ai pellegrini durante il Ramadan che soddisfino i più alti livelli di cura e qualità, consentendo loro di eseguire rituali e adorazioni durante il mese sacro.

Ha poi informato i ministri sul messaggio ricevuto dal primo ministro etiope sui modi in cui le relazioni tra i loro paesi potrebbero essere sostenute e rafforzate in vari campi.

Il Ministro dei Media Salman Al-Dossary ha affermato che il Gabinetto ha discusso le modalità per migliorare la cooperazione e il coordinamento con diversi paesi nei quadri forniti dalle organizzazioni regionali e internazionali, a sostegno dell’azione collettiva per raggiungere obiettivi di stabilità, prosperità e sviluppo sostenibile.

I ministri hanno accolto con favore il lancio della Vision per la sicurezza regionale del Consiglio di cooperazione del Golfo, che mira a mantenere la stabilità nella regione, la prosperità dei suoi paesi e dei suoi popoli e a rafforzare la pace e la sicurezza internazionali.

I membri del Consiglio hanno affermato che la scelta del Regno a presiedere la 69a sessione della Commissione sullo status delle donne nelle Nazioni Unite nel 2025 testimonia l’impegno del Paese nella cooperazione internazionale su questioni relative ai diritti e all’emancipazione delle donne, basandosi sui suoi risultati in questo settore negli ultimi anni.

Sul fronte locale, il Consiglio dei Ministri ha esaminato i risultati del 31° incontro annuale dei governatori delle regioni dell’Arabia Saudita e ha sottolineato il desiderio di rafforzare il processo globale di sviluppo in tutte le parti del Regno, compreso il continuo miglioramento dei servizi forniti ai cittadini. e residenti, e altre misure per migliorare la qualità della vita.

Al-Dossary ha affermato che i ministri hanno notato il successo degli sforzi da parte dello Stato per fornire maggiori opportunità di lavoro, formazione e qualificazione ai giovani della nazione, che ha contribuito a ridurre il tasso di disoccupazione tra i sauditi al livello più basso storico del 7,7% nel quarto trimestre dello scorso anno.

I membri del gabinetto hanno inoltre riaffermato la determinazione del Regno a restaurare e preservare i siti storici per raggiungere gli obiettivi di Vision 2030, e in un modo che rifletta la ricchezza araba e islamica del Paese. I ministri hanno elogiato il completamento di un progetto per sostenere e proteggere 56 edifici a rischio di crollo nel quartiere storico di Jeddah.

Il Consiglio dei Ministri ha autorizzato il Ministro degli Investimenti a firmare un progetto di memorandum d’intesa con San Marino per la cooperazione nel campo dell’incentivazione degli investimenti diretti.

 

 

L'Autore

Lascia un commento