Il futuro entra in noi, per trasformarsi in noi,
molto prima che accada.

Rainer Maria Rilke

Emirati consolidano la loro posizione economica globale

0

Sotto la guida di Mohammed bin Zayed

Gli Emirati Arabi Uniti, sotto la guida di Mohamed bin Zayed Al Nahyan, Presidente dello Stato, stanno entrando in una nuova fase economica e di sviluppo, poiché il Paese prosegue l’approccio di diversificazione economica basato sulla diversificazione delle risorse, delle industrie e dei settori del Paese in linea con le esigenze presenti e future.

La nuova fase economica, spiega l’agenzia di stampa “WAM“, arriva come una continuazione dei successi del defunto sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan.

Il Paese sta consolidando la sua posizione nel panorama dell’economia globale, sulla base delle visioni del Presidente dello Stato. Al Nahyan, Presidente dello Stato, ha voluto sottolineare, durante i suoi incontri e contatti con i leader mondiali di questi giorni, l’interesse degli Emirati per la sicurezza energetica nel mondo e la stabilità e l’equilibrio di suoi mercati, che si riflette nella politica equilibrata degli Emirati nel campo dell’energia, che tiene conto delle esigenze del mondo e apprezza gli sforzi internazionali globali volti a mantenere il mercato e l’equilibrio tra domanda e offerta.

Gli Emirati Arabi Uniti, essendo uno dei paesi leader nei mercati energetici globali e un partner attivo negli sforzi per garantire la sicurezza energetica, sono desideroso di diversificare l’energia e destinare una quota crescente di energia pulita, ciò garantisce un futuro sicuro per le generazioni future e promuove la crescita economica.

Mohamed bin Zayed Al Nahyan ha sostenuto la strategia degli Emirati Arabi Uniti per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, che è il culmine degli sforzi per contribuire positivamente alla questione del cambiamento climatico e lavorare per trasformare le sfide in questo settore in opportunità che garantiscono un futuro luminoso per le generazioni future, che è ciò che è in linea con gli sforzi internazionali in questo senso.

L'Autore

Lascia un commento