Compili il suo pronostico, ci penserà il futuro!

Gianni Rodari

Iran: minaccia il mondo con i droni, dallo Yemen all’Ucraina fino a Israele

0

Il Paese ha fatto molta strada da quando ha costruito i primi droni di sorveglianza durante la guerra Iran-Iraq

Nel luglio 2018, un alto funzionario iraniano ha fatto un annuncio che ha suscitato perplessità in tutto il Medio Oriente.

La Repubblica islamica, ha affermato Manouchehr Manteqi, capo del quartier generale per lo sviluppo della tecnologia e dell’industria aeronautica e aeronautica basata sulla conoscenza, è ora in grado di produrre droni in modo autosufficiente, senza fare affidamento su fornitori stranieri o know-how tecnico esterno.

Le sanzioni internazionali che limitavano le importazioni di tecnologia vitale avevano di fatto paralizzato la capacità dell’Iran di sviluppare sofisticati aerei militari convenzionali.

Ma ora, ha detto Manteqi, “la progettazione e la costruzione di parti di droni per esigenze speciali (viene) effettuata da aziende iraniane”.

Sviluppando la propria tecnologia dei droni, l’Iran ha trovato il modo di rafforzare le proprie capacità militari indipendentemente dalle sanzioni.

L’Iran aveva già fatto molta strada nello sviluppo di veicoli aerei senza pilota, avendo intrapreso per la prima volta la creazione di droni di sorveglianza durante la guerra Iran-Iraq.

Parlando nel settembre 2016, il Magg. Gen. Mohammed Hossein Bagheri, capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, ha riconosciuto che le esigenze tattiche del conflitto durato otto anni sono state “fondamentali nella produzione di scienza e tecnologia moderne per uso futuro”.

Ciò, ha detto, ha portato allo sviluppo di “droni a lungo raggio di fabbricazione iraniana che possono prendere di mira le posizioni dei terroristi da una grande distanza e con una superficie di un metro quadrato”.

Il primo UAV iraniano è stato l’Ababil, un drone di sorveglianza a bassa tecnologia costruito negli anni ’80 dalla Iran Aircraft Manufacturing Industrial Co. Volò per la prima volta nel 1985 e fu rapidamente raggiunto dal Mohajer, sviluppato dalla Quds Aviation Industry Co.

Sebbene inizialmente entrambi questi droni fossero piuttosto primitivi, nel corso degli anni entrambe le piattaforme sono state costantemente sviluppate e sono diventate molto più sofisticate.

Secondo un rapporto del quotidiano statale Tehran Times, l’attuale Ababil-5, presentato in occasione dell’Iran Army Day nell’aprile 2022, ha una gittata di circa 480 km e può trasportare fino a sei bombe o missili intelligenti.

Ma il Mohajer 10, lanciato lo scorso anno il 22 agosto, sembra essere un UAV hi-tech ancora più capace, somigliante da vicino all’MQ-9 Reaper americano sia nell’aspetto che nelle capacità.

Armato con diversi missili e in grado di rimanere in volo per 24 ore ad un’altitudine massima di 7 km, ha una portata dichiarata di 2.000 km. Se fosse vero, ciò significherebbe che è in grado di colpire obiettivi quasi ovunque in qualsiasi paese del Medio Oriente.

Ciò sembrava essere confermato nel luglio 2022, quando Javad Karimi Qodousi, membro del comitato per la sicurezza nazionale e la politica estera del parlamento iraniano, ha dichiarato all’agenzia di stampa statale iraniana IRNA che “la strategia dell’Iran nella costruzione di droni è mantenere la sicurezza dell’ambiente circostante del paese fino ad una profondità di 2.000 chilometri”.

Ha aggiunto: “Secondo la politica dichiarata del Leader della Rivoluzione, qualsiasi persona, gruppo o paese che si oppone al regime sionista, la Repubblica Islamica lo sosterrà con tutte le sue forze, e la Repubblica Islamica potrà fornirgli la conoscenza nel campo dei droni”.

 

 

L'Autore

Lascia un commento