Non preoccuparti di cosa sta per fare qualcun altro.
Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.

Alan Kay

Siria: Riad condanna attacco al consolato iraniano

0

L’Arabia Saudita condanna l’attacco al consolato iraniano in Siria

Riad ha condannato l’attacco contro l’edificio del consolato iraniano nella capitale siriana Damasco.

Lo si legge in una dichiarazione del ministero degli Esteri dell’Arabia Saudita.

Ieri presunti aerei israeliani hanno bombardato il consolato iraniano in Siria, segnando una marcata escalation in una guerra che contrappone Israele ai suoi avversari regionali. Teheran ha affermato che l’attacco ha ucciso sette consiglieri militari, tra cui tre comandanti.

Il Ministero degli Esteri di Riad ha espresso “il rifiuto categorico del Regno di prendere di mira le strutture diplomatiche con qualsiasi giustificazione e con qualsiasi pretesto”.

L’Arabia Saudita ha affermato che l’attacco costituisce una violazione delle leggi diplomatiche internazionali e delle regole dell’immunità diplomatica.

Anche il segretario generale del Consiglio di cooperazione del Golfo, Jasem Mohamed Al-Budaiwi, ha denunciato l’attacco.

Ha ribadito l’importanza di aderire alle leggi internazionali, ai trattati e alle immunità diplomatiche.

L’ambasciatore iraniano in Siria ha detto che l’attacco ha colpito un edificio consolare nel complesso dell’ambasciata e che la sua residenza era agli ultimi due piani.

“Condanniamo fermamente questo atroce attacco terroristico che ha preso di mira l’edificio del consolato iraniano a Damasco e ha ucciso numerosi innocenti”, ha detto il ministro degli Esteri siriano Faisal Mekdad che è stato visto sul posto insieme al ministro degli Interni siriano.

I media statali siriani hanno affermato che Israele ha lanciato un attacco dalle alture di Golan occupate contro Mezzeh, alcuni dei quali sono stati abbattuti dai sistemi di difesa aerea siriani.

Israele ha da tempo preso di mira le installazioni militari dell’Iran in Siria e quelle dei suoi delegati, ma l’attacco di lunedì è stata la prima volta che Israele ha colpito il vasto complesso dell’ambasciata.

Anche le nazioni musulmane tra cui Iraq, Giordania, Oman, Pakistan, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti hanno condannato l’attacco, così come la Russia.

Israele ha intensificato questi attacchi parallelamente alla campagna contro il gruppo palestinese Hamas, sostenuto dall’Iran, che ha innescato la guerra di Gaza con un attacco contro Israele il 7 ottobre che ha ucciso circa 1.200 persone e preso 253 ostaggi, secondo i conteggi israeliani.

Secondo le autorità sanitarie palestinesi, più di 32.000 palestinesi sono stati uccisi nell’offensiva israeliana a Gaza.

L’esercito israeliano ha intensificato gli attacchi aerei in Siria contro il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane e il gruppo armato libanese Hezbollah sostenuto dall’Iran, che sostengono entrambi il presidente siriano Bashar Assad.

I media iraniani hanno riferito che il generale Mohammad Reza Zahedi, comandante delle guardie in Siria e Libano dal 2008 al 2016, è stato ucciso nel raid israeliano, insieme al generale Mohammad Hadi Hajji Rahimi, un ufficiale di alto rango.

Zahedi ha comandato le forze di terra dell’IRGC dal 2005 al 2008 e ha assunto il comando della base Tha’ar Allah pur mantenendo la sua posizione di comandante delle forze della guardia di terra tra il 2005 e il 2006.

Ha servito come vice capo delle operazioni delle Guardie dal 2016 al 2019, è stato uno dei comandanti intermedi durante la guerra Iran-Iraq e ha assunto il comando della 44a Brigata Qamar Bani Hashem dal 1983 al 1986. Per un breve periodo nel 2005, ha comandato l’aeronautica militare dell’IRGC.

Nell’attacco è morto anche il generale Hussein Amir Allah, capo dello stato maggiore delle Guardie rivoluzionarie in Siria e Libano.

 

L'Autore

Lascia un commento