Non preoccuparti di cosa sta per fare qualcun altro.
Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.

Alan Kay

Yemen: inviato Usa in visita a Riad e Musqat

0

Tim Lenderking incontrerà i funzionari regionali per discutere le modalità per allentare la crisi e “rinnovare l’attenzione sulla garanzia di una pace duratura per il popolo yemenita”

L’inviato speciale degli Stati Uniti per lo Yemen visiterà l’Arabia Saudita e l’Oman questa settimana.

Lo farà per colloqui sui recenti attacchi delle milizie Houthi contro navi nel Mar Rosso e nei corsi d’acqua circostanti, che hanno interrotto il traffico marittimo internazionale.

Lo ha riferito il Dipartimento di Stato americano.

Tim Lenderking incontrerà funzionari a Riad e Muscat “per discutere la necessità di una cessazione immediata degli attacchi Houthi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden, che stanno minando i progressi nel processo di pace nello Yemen e la fornitura di assistenza umanitaria allo Yemen e ad altri paesi bisognosi”, ha aggiunto.

La campagna Houthi di attacchi con droni e missili contro le navi nel Mar Rosso è iniziata a novembre. Il gruppo ha affermato che la loro intenzione è quella di esercitare pressioni su Israele affinché interrompa la guerra a Gaza.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno risposto lanciando attacchi aerei contro i siti Houthi nello Yemen per impedire al gruppo di mettere in pericolo la libertà di navigazione e minacciare il commercio globale.

“Gli Stati Uniti restano fermamente impegnati a sostenere una pace duratura nello Yemen e ad alleviare la complessa crisi umanitaria ed economica che danneggia il popolo yemenita”, ha affermato il Dipartimento di Stato.

Washington “sostiene il ritorno agli sforzi di pace guidati dalle Nazioni Unite una volta che gli Houthi avranno fermato i loro attacchi indiscriminati”, ha aggiunto.

Lenderking incontrerà i funzionari regionali per discutere le modalità per attenuare la crisi e “rinnovare l’attenzione sulla garanzia di una pace duratura per il popolo yemenita”.

I tentativi dichiarati degli Houthi di mostrare solidarietà con Gaza non stanno aiutando ma danneggiando i palestinesi nell’enclave in difficoltà, ha detto Timothy Lenderking, inviato speciale degli Stati Uniti per lo Yemen.

Da quando è scoppiata la guerra tra Israele e Hamas nell’ottobre dello scorso anno, la milizia appoggiata dall’Iran ha lanciato missili e droni dallo Yemen non solo contro Israele ma anche contro navi commerciali e militari nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden.

La milizia afferma che le sue azioni sono un’espressione di solidarietà con Gaza – un’affermazione con cui Lenderking è fortemente in disaccordo, citando il conseguente “aumento dei costi di trasporto e assicurazione” e i prezzi più alti in generale.

“È semplicemente un peccato che gli Houthi abbiano scelto di esprimere la loro solidarietà con i palestinesi, che sentono molte persone, molti americani, molti paesi della regione, attaccando le spedizioni regionali”, ha detto Lenderking.

“È come se avessi un problema con il mio vicino e vado a bruciare il negozio di alimentari del quartiere. Non ha senso.”

Ha aggiunto: “Questa azione degli Houthi non sta facendo nulla per aiutare i palestinesi, non sta facendo nulla per alleviare la sofferenza degli abitanti di Gaza. Di fatto, al contrario, sta complicando il movimento di forniture vitali a Gaza. Quindi, anche questo è un effetto negativo di ciò che stanno facendo gli Houthi. È semplicemente la reazione sbagliata”.

Lenderking, membro di carriera del Senior Foreign Service americano, ha espresso le sue osservazioni su “Frankly Speaking”, il programma di attualità di Arab News. Domenica verrà pubblicata l’intervista completa.

Il Dipartimento di Stato americano ha annunciato solo di recente l’inserimento di “Ansarallah, comunemente indicati come Houthi, come gruppo terroristico globale appositamente designato”.

Tuttavia, tra il 2015 e il 2022, i missili Houthi hanno colpito ripetutamente infrastrutture civili e centri abitati in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, alcuni dei quali hanno ucciso civili.

Il Dipartimento di Stato aveva elencato gli Houthi come organizzazione terroristica straniera nel gennaio 2021, negli ultimi giorni dell’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump, ma ha revocato la designazione meno di un mese dopo, quando il presidente Joe Biden è entrato in carica.

Affrontando ciò che molti vedono come un doppio standard da parte della politica estera degli Stati Uniti, Lenderking ha affermato che la recente reinserimento degli Houthi nella lista dei gruppi terroristici è stata una risposta ai loro attacchi contro navi civili e commerciali “in modo sconsiderato e indiscriminato”, aggiungendo che più di 50 nazioni sono state colpite dalle ultime violenze.

“Questo sta diventando un problema globale, l’aumento dei prezzi, l’aumento dei costi di trasporto e di assicurazione, non per i ricchi, ma per coloro che spostano il grano”, ha detto Lenderking.

“Ciò sta danneggiando tutti i tipi di consumatori e persone comuni in tutto il mondo. Ed è per questo che c’è stata una reazione così breve e così brusca e perché la reazione contro questo comportamento Houthi sta crescendo”.

Difendendo la decisione degli Stati Uniti di revocare la designazione di terrorista agli Houthi nel febbraio 2021, Lenderking ha affermato che, nonostante alcuni “aspetti detestabili dell’ideologia (Houthi)” e una litania di violazioni documentate dei diritti umani compiute dal gruppo, gli Stati Uniti “hanno ritenuto che rimuovere la designazione terroristica degli Houthi la designazione ridurrebbe la pressione sulle reti umanitarie nello Yemen”, qualcosa che era una priorità per l’amministrazione Biden.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano ripetutamente affermato il loro sostegno a una soluzione pacifica e non militare al decennale conflitto yemenita – confermando le loro promesse con più di 5 miliardi di dollari in aiuti umanitari dall’inizio del conflitto – gli attacchi contro gli Houthi hanno dubbio sull’impegno di Washington per la pace.

Lenderking ha affermato che gli attacchi di ritorsione del Comando Centrale erano limitati solo a obiettivi militari. “Gli obiettivi che sono stati selezionati sono tutti i siti missilistici e le strutture di stoccaggio, le capacità UAV (veicoli aerei senza pilota) che sono specificatamente finalizzati alla navigazione internazionale”, ha affermato. “Stanno avendo un impatto significativo nel degradare quella capacità”.

Ha sottolineato l’importanza di mantenere gli Houthi concentrati sul processo di pace nello Yemen piuttosto che sulla guerra a Gaza.

“Penso che tutti riconosciamo che non risolveremo nessuno dei problemi della regione se dobbiamo continuare ad affrontare questi attacchi al trasporto marittimo. Quindi, lasciamo che gli Houthi riducano questo impegno, noi riduciamo l’escalation e potremo spostare nuovamente l’attenzione sull’aiuto agli abitanti di Gaza in modo genuino ed efficace”, ha affermato.

L'Autore

Lascia un commento