Che ognuno avrà il futuro che si conquisterà.

Gianni Rodari

Yemen: morto secondo rapito in 24 ore nelle carceri Houthi

0

Una fonte per i diritti umani ha riferito della morte di un nuovo rapito che si trovava nelle prigioni della milizia Houthi, in circostanze misteriose. Si tratta di un incidente che è il secondo di questo genere in 24 ore.

Il direttore esecutivo del Centro americano per la giustizia (ACj), Abdul Rahman Berman, ha dichiarato sul suo account sulla piattaforma “X”, che il detenuto Khaled Hussein Ghazi, residente nel governatorato di Dhamar, nello Yemen centrale, è morto all’interno del carceri delle milizie Houthi.

L’attivista per i diritti umani Berman ha spiegato che Ghazi aveva ottenuto l’ordine di scarcerazione, ma il nipote del pubblico ministero della procura della milizia Houthi ha sospeso l’ordine di rilascio. La famiglia della vittima è stata informata ieri della sua morte. Gli Houthi si rifiutano di consegnare la salma.
L’incidente è avvenuto un giorno dopo la morte dell’educatore ed ex funzionario del Ministero dell’Istruzione, Sabri Al-Hakimi, nella prigione dei servizi segreti della milizia Houthi a Sanaa, sei mesi dopo il suo rapimento.

Molte organizzazioni locali e internazionali per i diritti umani hanno documentato la morte di centinaia di rapiti e detenuti nelle carceri delle milizie Houthi, confermando che i defunti erano stati sottoposti a brutali torture durante il periodo di detenzione illegale.

Fonti yemenite per i diritti umani hanno riferito che una persona rapita è morta sotto tortura nelle carceri del gruppo Houthi a Sana’a, 6 mesi dopo essere stata rapita arbitrariamente e illegalmente.

Le fonti hanno confermato che il rapito Sabri Al-Hakimi, ex direttore della formazione presso il Ministero dell’Istruzione, è morto all’interno del carcere di sicurezza politica degli Houthi, spiegando che l’educatore “Al-Hakimi” è stato rapito circa 6 mesi fa durante un raid nel suo casa, senza che sia stata mossa alcuna accusa contro di lui e nemmeno portata alle autorità di sicurezza e giudiziarie.

Le fonti hanno indicato che Al-Hakimi è morto a causa della tortura e della negligenza medica durante la sua detenzione illegale. Ha aggiunto che i leader Houthi hanno chiesto alla famiglia del detenuto di ricevere il suo corpo e di seppellirlo rapidamente e con un funerale limitato.

Il direttore dell’Ufficio per i diritti umani nel Segretariato della capitale, Fahmi Al-Zubayri, ha commentato sulla sua pagina sul sito “X”: “Abbiamo ricevuto la notizia della morte dell’educatore Sabri Al-Hakimi, direttore della formazione presso il Ministero della Salute. Education, sotto tortura nelle carceri dei miliziani Houthi a Sana’a, dopo essere stato fatto sparire con la forza per sei mesi”. Ha aggiunto: “Questo modello di violazioni è praticato sistematicamente e 320 cittadini sono stati uccisi sotto tortura nelle sue carceri”.

Da parte sua, l’Autorità nazionale per i prigionieri e i rapiti ha condannato l’arresto dell’educatore Sabri Al-Hakimi da parte della milizia Houthi sei mesi fa e l’annuncio, il 25 marzo 2024, della sua morte in circostanze misteriose.

In un comunicato stampa, la Commissione ha chiesto l’apertura di un’indagine imparziale su questo crimine, conoscendone le circostanze, e consegnando i colpevoli alla giustizia il prima possibile, mettendo in guardia gli Houthi dal persistere di queste violazioni contro i loro oppositori, poiché ciò significherebbe esporli alla responsabilità nazionale e internazionale.

Negli ultimi anni, organizzazioni per i diritti umani hanno documentato la morte di decine di rapiti nelle carceri dei miliziani Houthi, a seguito di torture, mentre altri sono stati rilasciati in operazioni di scambio e versano in pessime condizioni di salute, alcuni dei quali soffrono di disabilità permanente.

È interessante notare che centinaia di accademici, educatori, attivisti e politici stanno ancora languendo da anni nelle carceri della milizia Houthi, dopo che li hanno rapiti dalle loro case e dai luoghi di lavoro e hanno usato tutti i metodi di tortura e abusi contro di loro.

L'Autore

Lascia un commento