Il guaio del nostro tempo è che il futuro non è più quello di una volta.

Paul Valéry

Yemen: morto terzo prigioniero degli Houthi in un mese

0

Il governo e gli attivisti yemeniti hanno affermato che un soldato governativo yemenita è morto all’interno di una struttura di detenzione Houthi, segnando il terzo caso noto di un prigioniero morto a causa delle torture in meno di un mese

Il governo legittimo dello Yemen e gli attivisti yemeniti hanno annunciato che un soldato governativo yemenita è morto a Sana’a. Il decesso è avvenuto all’interno di una struttura di detenzione Houthi. Si tratta del terzo esempio noto di un prigioniero morto a causa della tortura in meno di un mese.

Il governo dello Yemen, riconosciuto a livello internazionale, ha affermato che gli Houthi hanno provocato la morte di uno dei suoi soldati incarcerati. Questo mentre gli attivisti yemeniti hanno espresso preoccupazione per i gravi abusi endemici all’interno delle strutture di detenzione degli Houthi.

Il ministro dell’Informazione dello Yemen, Muammar Al-Eryani, ha dichiarato che gli Houthi hanno spinto il soldato governativo yemenita di 21 anni Mohammed Ahmed Wahban ad impiccarsi. Lo hanno fatto nella prigione militare di Sana’a. Lo hanno fatto tre anni dopo averlo catturato mentre combatteva al fianco delle forze governative yemenite sulla linea del fronte di Mas, nella provincia centrale di Marib.

Un tribunale Houthi ha condannato a morte Wahban, della provincia di Amran, nell’agosto 2022, accusandolo di collaborare con l’esercito yemenita e la Coalizione araba nello Yemen. Lo ha spiegato il ministro, aggiungendo che il soldato, come centinaia di altri yemeniti detenuti dagli Houthi, sono stati sottoposti a “brutali” torture psicologiche e fisiche e gli sono stati negati i farmaci.

Il soldato yemenita aveva iniziato uno sciopero della fame dopo essere stato maltrattato dagli Houthi.

“Chiediamo al Comitato Internazionale della Croce Rossa e ai gruppi internazionali e locali per i diritti umani di avviare un’indagine. Sui crimini di omicidio e tortura di prigionieri, rapiti e individui imprigionati con la forza nei campi di detenzione delle milizie Houthi”. Lo ha detto Al-Eryani sui social.

Attivisti e parenti yemeniti hanno detto che gli Houthi hanno telefonato alla sua famiglia la scorsa settimana. Per informarli che Wahban si è suicidato impiccandosi e hanno chiesto loro di recuperare i suoi resti da un ospedale militare a Sana’a.

Alla fine del mese scorso, l’organizzazione benefica internazionale Save the Children ha sospeso le sue operazioni nello Yemen settentrionale. Lo ha fatto per fare pressione sugli Houthi affinché spiegassero la morte di uno dei suoi dipendenti nel centro di detenzione della milizia a Sana’a. Questo incidente ha suscitato la condanna di gruppi per i diritti locali e internazionali, dell’UE e del Regno Unito.

Organizzazioni e attivisti per i diritti umani hanno appoggiato la richiesta del governo yemenita di avviare indagini sulla morte dei detenuti detenuti dagli Houthi. Così come hanno chiesto ai mediatori stranieri, come l’inviato delle Nazioni Unite per lo Yemen Hans Grundberg, di esercitare pressioni sugli Houthi affinché smettano di torturare i prigionieri.

L'Autore

Lascia un commento