Che ognuno avrà il futuro che si conquisterà.

Gianni Rodari

Yemen: nuovi raid Usa su siti Houthi

0

L’esercito statunitense lancia un’altra raffica di missili contro i siti Houthi nello Yemen

Le navi della Marina degli Stati Uniti nel Mar Rosso hanno lanciato nella notte nuovi attacchi missilistici contro i siti controllati dagli Houthi nello Yemen. Ciò è avvenuto mentre la milizia appoggiata dall’Iran continua ad attaccare navi commerciali e militari che attraversano Bab al Mandab.

La nuova ondata di attacchi missilistici lanciati da navi e sottomarini contro siti controllati dagli Houthi segnano la quarta lanciata in pochi giorni contro il gruppo nello Yemen. Gli attacchi hanno fatto seguito all’annuncio ufficiale che gli Stati Uniti hanno reinserito gli Houthi nella lista dei terroristi globali appositamente designati. Le sanzioni che accompagnano la designazione formale hanno lo scopo di separare i gruppi estremisti violenti dalle loro fonti di finanziamento.

Nonostante le sanzioni e gli attacchi militari, inclusa un’operazione su larga scala condotta venerdì da navi e aerei da guerra statunitensi e britannici che hanno colpito più di 60 obiettivi in tutto lo Yemen, gli Houthi continuano la loro campagna di molestie contro navi commerciali e militari. L’ultimo incidente è avvenuto mercoledì quando un drone d’attacco unidirezionale è stato lanciato da un’area controllata dagli Houthi nello Yemen e ha colpito la M/V Genco Picardy, battente bandiera delle Isole Marshall, di proprietà e gestita dagli Stati Uniti, nel Golfo di Aden.

Gli Stati Uniti hanno anche avvertito l’Iran di cessare di fornire armi agli Houthi. Giovedì scorso un blitz americano su una nave ha intercettato parti di missili balistici che secondo gli Stati Uniti l’Iran stava inviando allo Yemen. Due Navy SEAL statunitensi rimangono dispersi dopo che uno è stato buttato giù dalla nave da un’onda durante il blitz e il secondo è stato sopraffatto in acqua.

Il segretario stampa del Pentagono, il maggiore generale Pat Ryder, ha affermato che gli Stati Uniti continueranno a intraprendere un’azione militare per prevenire ulteriori attacchi. “Stanno sfruttando questa situazione per condurre attacchi contro navi e imbarcazioni provenienti da più di 50 paesi… in tutto il mondo. E quindi continueremo a lavorare con i nostri partner nella regione per prevenire tali attacchi o scoraggiarli in futuro”, ha affermato Ryder.

Durante il fine settimana gli Houthi hanno lanciato un missile da crociera antinave contro un cacciatorpediniere della Marina statunitense, ma la nave lo ha abbattuto. Lunedì scorso gli Houthi hanno poi colpito una nave di proprietà degli Stati Uniti nel Golfo di Aden e martedì una nave battente bandiera di Malta nel Mar Rosso. Martedì, in risposta, gli Stati Uniti hanno lanciato quattro missili balistici antinave pronti al lancio, che rappresentavano una minaccia imminente per le navi mercantili e della marina americana nella regione. Ore dopo, gli Houthi hanno rivendicato la responsabilità dell’attacco alla nave battente bandiera maltese Zografia. La nave è stata colpita, ma nessuno è rimasto ferito e ha continuato la sua rotta.

 

 

L'Autore

Lascia un commento