La gente ha sempre dichiarato di voler creare un futuro migliore.
Non è vero. Il futuro è un vuoto che non interessa nessuno.
L'unico motivo per cui la gente vuole essere padrona del futuro
è per cambiare il passato.

Milan Kundera

Yemen: seconda vittima torture Houthi in 2 giorni

0

Le organizzazioni internazionali e regionali per i diritti umani hanno chiesto di esercitare maggiore pressione sulla milizia filo iraniana affinché rilasci i civili rapiti

Un cittadino yemenita, rapito del Governatorato di Al-Jawf, nel nord dello Yemen, è morto ieri 19 maggio dopo essere stato sottoposto a gravi torture nelle carceri della milizia Houthi.

Il Comitato per i media e i diritti del governatorato di Al-Jawf ha dichiarato che il cittadino Ali Hadi Misfer bin Rabaqa, 25 anni, del distretto di Khub Wal Sha`af è stato rapito quasi due mesi fa ed è morto sotto le torture durante la detenzione della milizia a Sana’a.

Il comitato ha reso noto che Bin Barqa è un civile che non appartiene a nessun partito politico ed è una delle vittime di una serie di crimini quotidiani commessi dalla milizia Houthi contro la popolazione del governatorato di Al-Jawf.

Il Comitato ha anche espresso la sua condanna per tali atti e violazioni, che sono incompatibili con tutti i trattati e le norme morali locali e internazionali. Ha quindi invitato le organizzazioni internazionali e regionali per i diritti umani a esercitare maggiore pressione sulla milizia Houthi affinché rilasci i civili rapiti e assicuri tutti i trasgressori alla giustizia internazionale.

Questo avviene due giorni dopo la morte di un altro uomo rapito, Basem Abdul Karim Al-Hobari, 27 anni, morto nelle carceri Houthi a Sana’a.

Il ministero dei diritti umani del governo yemenita ha affermato che Al-Hobari è morto sotto brutali torture nelle carceri di Houthi.

L'Autore

Lascia un commento