Il futuro entra in noi, per trasformarsi in noi,
molto prima che accada.

Rainer Maria Rilke

Emirati: una trasformazione realistica del settore energetico

0

Di Sultan Al Jaber, ministro dell’Industria e della tecnologia avanzata degli Emirati Arabi Uniti e amministratore delegato della Compagnia petrolifera nazionale di Abu Dhabi, presidente di Masdar e inviato speciale degli Emirati Arabi Uniti per il cambiamento climatico

 

Lo scorso anno il contributo delle energie rinnovabili è stato superiore all’80% della nuova capacità di produzione totale di energia elettrica, e questo è un chiaro segnale che la trasformazione del settore energetico sta procedendo a rapidi passi, ma recenti eventi mondiali hanno dimostrato che l’abbandono immediato dell’attuale sistema energetico, prima della costruzione di uno nuovo in grado di soddisfare i bisogni globali mette a repentaglio la crescita economica e il progresso dell’azione per il clima, oltre a sollevare interrogativi sulla nostra capacità di realizzare una transizione giusta ed equa per tutti.

Dal nostro punto di vista, il successo della transizione nel settore energetico richiede progressi sia nella crescita economica che nell’azione per il clima e che questa trasformazione sia basata su fatti scientifici, economici e ingegneristici e sulla rapida attuazione di soluzioni, oltre a un chiara consapevolezza delle sfide che il processo di trasformazione deve affrontare. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo bisogno di un approccio globale che tragga vantaggio dalle competenze di tutti i settori e segmenti della società, comprese le competenze, le capacità e le capacità disponibili nell’attuale sistema energetico.

Con l’inizio della ripresa economica dalla pandemia di Covid-19, il mondo ha dovuto affrontare una profonda crisi degli approvvigionamenti energetici, esacerbata dal conflitto russo-ucraino, che ha spinto vari paesi del mondo a rivalutare i propri bisogni energetici strategici.

La lezione appresa da questa crisi è che è troppo presto per i governi adottare politiche che portino al ritiro degli investimenti dal settore petrolifero e del gas, prima di assicurarsi alternative adeguate e praticabili, poiché questo passaggio porterà a risultati controproducenti che minano la sicurezza energetica e incide negativamente sulla stabilità dell’economia globale, in quanto riduce l’importo dei finanziamenti che potrebbero essere investiti per consentire una trasformazione razionale e deliberata del settore energetico.

Abbiamo bisogno di una strategia realistica e di un piano pragmatico che offra vantaggi sia per la crescita economica che per l’azione per il clima. Questa strategia deve tenere conto della stretta interrelazione tra energia e sistemi industriali, soprattutto perché la dimensione della trasformazione richiesta nel settore energetico è molto ampia e richiede molto coordinamento, allineamento e cooperazione in tutti gli aspetti, a partire dall’allocazione del capitale , alla progettazione del prodotto, alla formulazione di politiche pubbliche e alle comunità di comportamenti che cambiano in tutto il mondo.

Data questa interdipendenza, dobbiamo iniziare a studiare l’attuale struttura della domanda nel sistema energetico, poiché vediamo che la produzione di elettricità dall’energia eolica e solare sta facendo grandi progressi, ma la maggior parte del consumo di energia è nelle industrie pesanti, manifatturiere, costruzioni, trasporti e l’agricoltura, che sono settori di difficile riduzione delle emissioni, che hanno un impatto significativo sul clima, il che significa che su di esso devono essere diretti maggiori investimenti.

L’anno scorso, l’investimento globale nelle energie rinnovabili ha superato i 365 miliardi di dollari, mentre l’investimento totale nella tecnologia di stoccaggio dell’energia, nella cattura del carbonio e nella catena del valore del settore dell’idrogeno è stato di 12 miliardi di dollari, il che ovviamente non è sufficiente per sostenere la trasformazione del settore energetico. di oltre 250 trilioni di dollari nei prossimi 30 anni. È chiaro che nessun paese o azienda può garantire da solo questo importo di finanziamento.

Oltre a garantire i finanziamenti necessari, va ricordato che il processo di trasformazione nel settore energetico richiede tempo e non può avvenire con la semplice pressione di un pulsante. Sebbene l’energia eolica e solare abbiano rappresentato la maggior parte della nuova capacità totale di generazione di elettricità nel 2021, rappresentano ancora solo il 4% dell’attuale mix energetico mondiale. Con la domanda di energia in aumento più che mai, garantire la sua sicurezza richiede la continuazione del ruolo del petrolio e del gas come componenti importanti ed essenziali del sistema energetico per i decenni a venire.

Pertanto, dobbiamo concentrarci sul fare di più per ridurre l’impatto del petrolio e del gas sul clima, e ciò richiede una cooperazione intensificata, un coordinamento e un lavoro a stretto contatto tra produttori, governi e settore privato con l’obiettivo che la produzione di nuova energia sia inferiore alle emissioni -intensivo rispetto al precedente. Ciò significa la necessità di formulare politiche fiscali di sostegno che includano incentivi fiscali, aumentando l’efficienza operativa migliorando l’uso della tecnologia, un impegno a ridurre le emissioni di metano e il gas flaring e fornendo investimenti aggiuntivi nelle tecnologie di cattura del carbonio.

In breve, questo è l’approccio degli Emirati Arabi Uniti alla trasformazione energetica che garantisce che continui a soddisfare le esigenze attuali del mondo, investendo nel contempo nei sistemi energetici futuri.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno tre delle più grandi centrali solari in un’unica località al mondo, hanno investito in progetti di energia rinnovabile in oltre 40 paesi sviluppati e in via di sviluppo e prevedono di espandere il proprio portafoglio di progetti di energia rinnovabile per raggiungere una capacità di produzione di 100 gigawatt entro il 2030. Abbiamo investito nell’energia nucleare pacifica Ci concentriamo sul gettare le basi per una catena del valore dell’idrogeno integrata come fattore necessario per raggiungere la neutralità climatica.

Sebbene gli Emirati Arabi Uniti continuino a essere un fornitore affidabile di petrolio e gas a minor consumo di emissioni al mondo, stiamo lavorando per ridurli di un ulteriore 25% entro la fine del 2030.

Come primo paese della regione del Medio Oriente e del Nord Africa ad annunciare un’iniziativa strategica per perseguire la neutralità climatica entro il 2050, stiamo continuando a lavorare per ridurre le emissioni in tutte le attività economiche del paese.

Con la COP 27 che si avvicina quest’anno e gli Emirati Arabi Uniti che si preparano a ospitare la COP 28 l’anno prossimo, dobbiamo concentrarci su soluzioni pratiche che contribuiscono a migliorare la sicurezza energetica garantendo l’accesso a forniture sostenibili a prezzi accessibili.

Per attuare gli impegni dell’Accordo di Parigi sul clima, abbiamo bisogno di un dialogo inclusivo su un approccio realistico alla trasformazione del settore energetico con la partecipazione di tutte le parti interessate, inclusi governi, rappresentanti della società civile, scienziati, settore privato, professionisti e esperti dell’intero settore energetico, poiché non possono aver luogo discussioni fruttuose e razionalità sugli aspetti pratici della riduzione delle emissioni mantenendo la crescita economica, senza la partecipazione di questi esperti.

Garantire che i nostri obiettivi di accelerare i progressi nell’azione per il clima vadano di pari passo con la continua crescita economica e la prosperità richiede che l’azione inizi ora. Dobbiamo sempre ricordare che il nostro obiettivo finale è ridurre le emissioni, non ridurre i tassi di crescita, progresso e sviluppo.

L'Autore

Lascia un commento