Che ognuno avrà il futuro che si conquisterà.

Gianni Rodari

Le elezioni Usa 2016

0


maxresdefault

 

DIRETTA LIVE

04.20 USA – Vantaggio “impressionante”, secondo i commentatori, di Donald Trump in Ohio. Sulla base del 74% dei voti, il candidato repubblicano guida saldamente la corsa con un vantaggio di oltre l’11%. Trump ha il 53,4% dei consensi, contro il 42,3% di Hillary Clinton.

04.18 USA – Il peso messicano, termometro delle elezioni americane, perde il 10% contro il dollaro con l’avanzata di Donald Trump secondo le proiezioni dei media americani.

03.28 USA – 130 grandi elettori conquistati al momento da Donald J. Trump con 19.777.735 voti (49.9%); ne prende 97 Hillary Clinton con 18.369.180 voti (46.2%).

 

03.03 USA – Chiudono i seggi in 14 stati, fra cui New York e Texas. Le operazioni di voto si chiudono anche in Michigan, Colorado, Wisconsin e Arizona.

 

03.01 USA – Donald Trump conquista anche l’Arkansas, lo stato in cui fu governatore Bill Clinton prima di diventare presidente. In totale, il candidato repubblicano ha adesso 72 voti elettorali.

 

02.55 USA – In Florida resta in testa Donald Trump. Sulla base del 91% dei voti, il candidato repubblicano ha il 49,1% dei consensi, contro il 47,8% di Hillary Clinton.

02.35 USA – Con il 46% dei voti scrutinati Hillary Clinton e’ avanti a Donald Trump in Texas. Lo riporta la Cnn secondo cui Clinton in uno degli Stati storicamente repubblicani, per ora conduce con il 48,4%, seguita da Trump con il 47,3%. 

02.20 USA – La tv di Stato russa Rossia-24 continua ad agitare lo spettro dei brogli elettorali alle presidenziali americane e mostra un video – la cui autenticita’ non e’ verificabile – in cui un presunto elettore prova a votare per Trump usando un sistema elettronico di voto ma la macchina assegna la preferenza alla Clinton. “Ci potrebbero essere brogli”, hanno dichiarato alla tv di Mosca indicando come possibili fonti di irregolarita’ il sistema decentrato del voto, il voto anticipato e il fatto che “in molti Stati americani non c’e’ bisogno di presentare documenti d’identita’ per partecipare alle elezioni”. Trump da tempo agita il rischio di brogli su larga scala, ma senza prove.

01.56 USA – Il candidato repubblicano Donald Trump sarebbe in vantaggio in Ohio con il 53,4%, mentre la sfidante democratica Hillary Clinton avrebbe il 42,9%. Lo ha riferito Cnn, con il 4% delle schede conteggiate. 01.55 USA – Con il 65% dei voti scrutinati, Hillary Clinton e’ di nuovo in testa rispetto a Donald Trump in Florida. Clinton, riporta la Cnn, conduce ora con il 49.2% contro il 47,9% di Trump. 

01.45 USA – Donald Trump è al 49,7% in Florida, con Hillary Clinton al 47,4%, secondo le proiezioni della Cnn sulla base del 55% dei voti. 01.30 USA – Hillary Clinton passa in testa nella corsa per la Casa Bianca in Florida. Con il 30% dei voti scrutinati, la candidata democratica ha il 49,5% dei voti, contro il 47,7% di Donald Trump, secondo quanto riferisce la Cnn.

01.10 USA – In Indiana, dove sono in palio 11 grandi elettori, secondo le proiezioni dei media Donald Trump e’ al 62%, Hillary Clinton al 34%.

00.55 USA – E’ testa a testa tra Hillary Clinton e Donald Trump in Georgia, Virginia e South Carolina. E’ quanto riferisce la Cnn, dopo la chiusura dei seggi in questi tre stati, dove è troppo presto per dire chi sia in vantaggio tra i due candidati. La Georgia conta 16 voti elettorali, la Virginia 13 e la South Carolina. 00.50 USA – Cnn: Clinton ha vinto il Vermont.

00.38 USA – L’Indiana e’ lo stato di cui e’ governatore il repubblicano Mike Pence, candidato alla vicepresidenza con Trump.

00.20 USA – Mentre cominciano a chiudersi i primi seggi nella parte orientale degli Stati Uniti, si registrano lunghe file alle urne in molti stati dove ancora si vota. Secondo i primi dati l’affluenza all’urne è infatti, specialmente negli swing states, gli stati chiave, più alta di quella del 2012. Si deve poi calcolare che 47 milioni di elettori americani oggi non si sono messi in fila perché hanno votato in anticipo. E l’early voting potrà essere cruciale in stati come Nevada e Florida che come è noto molto probabilmente è lo stato che deciderà il duello elettorale.

00.15 USA – Il Kentucky per Donald Trump. Il primo dei due stati americani dove si sono appena chiusi i seggi avrebbe votato in massa per il candidato repubblicano: secondo i primi exit poll, al magnate sarebbero andati il 79,1% dei voti, contro il 18% per Hillary Clinton. Anche nel 2012, il Kentucky – che dispone di otto voti elettorali – aveva votato in modo massiccio per il candidato repubblicano: 60% a Mitt Romney, contro il 37% di Barack Obama.

23.50 USA – E’ un elettorato prevalentemente bianco quello che si e’ recato alle urne. La scomposizione demografica effettuata dai primi exit poll della Cnn indica che il 72% (rpt, 72%) degli elettori e’ bianco a fronte di un 12% di afro americani, l’11% di ispanici e il 4% di asiatici.

23.30 USA – Le campagne elettorali di Donald Trump ed Hillary Clinton seguiranno i risultati elettorali nel centro di New York, a pochi chilometri di distanza. Infatti la campagna democratica ha organizzato quella che viene chiamata la ‘festa della vittoria’ al Javits Center nella zona di Manhattan chiamata Hell’s Kitchen.

23.25 USA – Clinton, che questa mattina ha votato nel suo seggio in una scuola elementare vicino la sua casa di Chappaqua. E la Cnn ha riportato che il suo corteo è già partito dalla località a nord di New York alla volta di Manhattan.

23.20 USA – La festa di Trump è stata organizzata al Midtown Hilton, e risulta essere solo ad inviti riservati a “amici e sostenitori della campagna Trump-Pence. Come ha reso noto lui stesso in un tweet, il candidato repubblicano seguirà però “i risultati in tv dalla Trump Tower a Manhattan con la mia famiglia ed i miei figli”.

Schermata 2016-11-08 alle 23.50.20

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

23.15 USA – Hillary Clinton in viaggio verso New York. La candidata democratica ha lasciato da pochi minuti la sua casa di Chappaqua, nello stato di New York, in direzione New York City. La distanza e’ di meno di 80 chilometri.

L'Autore

Lascia un commento