Che ognuno avrà il futuro che si conquisterà.

Gianni Rodari

MYllennium Award 2015: premiate due applicazioni rivoluzionarie

0

La prima edizione del MYllennium Award, contest rivolto agli under 30 (la generazione dei cosiddetti Myllennials) e ai loro progetti creativi, ideato da Paolo Barletta in memoria del padre Raffaele, fondatore dell’omonimo gruppo costruttore che ha tanto dato alla città di Latina, ha visto premiare, nell’ambito della sezione MyStartup due applicazioni decisamente rivoluzionarie per elevato contenuto tecnologico e innovativo e due giovani realtà imprenditoriali italiane che le hanno brevettate. Si tratta di OpenMove, capitanata da Lorenzo Modena, app riservata ad un sistema di bigliettazione per il trasporto, semplice e veloce, già attiva in Trentino, e Salty, progetto di Diego Armando Capponi, prima App che ottimizza l’incontro tra domanda e offerta di prestazioni lavorative, dando centralità alla persona e rivoluzionandone le soluzioni. La giuria, che ne ha decretato la vittoria per originalità, qualità del servizio ed utilità sociale, era composta da Paolo Barberis, consigliere per l’Innovazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, Luca De Biase, direttore Nòva24 Il Sole 24 Ore e presidente Centro Studi ImparaDigitale, Laura Mirabella, Managing Director uFirst e Riccardo Pozzoli, Ceo The Blonde Salad-Chiara Ferragni.

OpenMove

openmoveOpenMove è il modo più semplice e veloce di pagare i biglietti di trasporto e sosta da smartphone. L’utente ha la possibilità di scaricare e utilizzare la app su tutti i mezzi di trasporto e parcheggio senza nessun costo aggiuntivo, consultando le informazioni di viaggio e la gestendo gli abbonamenti. Fornisce alle società di trasporto una soluzione di bigliettazione all’avanguardia ottimizzando le spese di gestione per la mobilità multimodale. Si tratta di una piattaforma aperta compatibile con ogni mezzo di trasporto, che aggrega app di terze parti, utilizza gli open data e rilascia API aperte. L’app è estremamente facile da usare e disponibile in più lingue, per garantire sia ai residenti sia ai turisti un’esperienza d’uso immediata, senza problemi di lingua o valuta. Viceversa, il committente, ed in particolar modo le pubbliche amministrazioni, hanno la possibilità di sfruttare un versatile backoffice comprensivo di statistiche, gestione contabile, controllo di biglietto e targa del veicolo sbigliettante. Dal 2015 la tecnologia viene utilizzata per tutta la mobilità in Trentino, ed in particolare su bus urbani ed extraurbani, treni, funivia e parcheggi; entro la fine dell’anno verranno agganciate altre 30 città italiane. OpenMove è una soluzione sviluppata interamente da Lucian S.r.l., startup che impiega attualmente 7 giovani con età media 30 anni, premiata da Mind the Bridge e Forum PA come miglior innovazione italiana per la Pubblica Amministrazione.

Salty

Salty nasce con l’idea di rivoluzionare sia il processo di ricerca, valutazione, selezione e contatto di una figura lavorativa, sia il processo di offerta e presentazione delle proprie capacità Saltyprofessionali al pubblico, in relazione all’esigenza di ricevere o offrire una determinata prestazione lavorativa. Sei alla ricerca di un fotografo, un idraulico, un sarto, una estetista, una personal shopper o magari un cake designer? Grazie alle oltre 30 categorie lavorative incluse, Salty intende creare un percorso di ricerca agevolato per ogni necessità, che permetta una selezione più accurata e ponderata della figura lavorativa di cui si necessita, rispetto ai tradizionali metodi oggi utilizzati. Come lo fa? Proponendo per i lavoratori che utilizzano Salty un modello di rappresentazione interattivo e omogeneo delle proprie skills, attività svolte e relative tariffe e disponibilità, in maniera trasversale su tutte le categorie lavorative trattate. Grazie a Salty, l’utente potrà beneficiare tanto della trasparenza e facilità di accesso alle informazioni, quanto della rapida confrontabilità delle stesse, avendo inoltre la possibilità di contattare il lavoratore ritenuto più adatto e infine prenotare la prestazione lavorativa di cui si necessita.”

L'Autore

Lascia un commento