Il futuro entra in noi, per trasformarsi in noi,
molto prima che accada.

Rainer Maria Rilke

Rifiuti. A quanto ammontano gli avanzi natalizi italiani?

0

Toglietemi tutto ma non il cenone ( e il pranzo) di Natale. Sembra proprio questa la frase che da nord a sud risuona nella maggior parte della nostra Penisola. Perché crisi o non crisi, quello che per molti italiani non può mancare il 24 e il 25 dicembre sono le tavole imbandite di ogni leccornia tipica del periodo natalizio. Ma passati questi giorni di festa, che fine fa tutto il cibo avanzato?

A quanto ammontano i rifiuti alimentari natalizi?

scartiQuest’anno sono state 33 le tonnellate di rifiuti prodotti in Italia nei tre giorni di festività natalizia. Una cifra consistente che se venisse ben riciclata potrebbe portare a beni del valore di 3 milioni di euro, circa 10 volte la spesa annua del Comune di Roma per l’acquisto di materiale sanitario destinato agli anziani. A stilare questi dati è Was, il think tank sui rifiuti e sul riciclo di Althesys che ha presentato il report di settore “Raccolta differenziata”; un modo per evidenziare l’importanza di riciclare nel giusto modo i beni, anche alimentare, di cui ci serviamo.

L’importante valore del riciclo

Riciclare i rifiuti che provengono dalle nostre tavole non ha solo un valore economico, ma anche ambientale. Nel nostro Paese infatti il 3% del consumo di energia è proprio legato agli scarti alimentari, una cifra che potrebbe servire a riscaldare e dar luce a più di un milione e mezzo di italiani. E anche la gestione dei rifiuti fattura oltre 20 miliardi di euro, il 40% del quale però prende ancora la via delle discariche.

Gli obiettivi europei

Eliminazione delle discariche e aumento del riciclo 70%? Questi gli obiettivi prefigurati dall’Ue per il 2030. Riuscirà allora l’Italia a raggiungere questi importanti ma non facili obiettivi?

L'Autore

Lascia un commento