La mutilazione per cui la vita perdette quello che non ebbe mai,
il futuro, rende la vita più semplice,
ma anche tanto priva di senso.

Italo Svevo

Istantanea dell’Africa che cresce

0

Le imprese africane sono in buona salute, crescono e progettano da sole il futuro, scommettendo su ambiente, innovazione, agricoltura, telecomunicazioni, servizi finanziari, edilizia e infrastrutture, educazione e cultura. Dinamiche, che il Regno Unito del dopo Brexit monitora con attenzione, e che sono al centro del rapporto appena pubblicato One year on Companies to Inspire Africa, 2019, realizzato dalla Pwc in collaborazione con il  London Stock Exchange Group e sostenuto anche da Asoko Insight.

Sono 360 le aziende che sono state messe sotto la lente degli analisti, 85 delle quali hanno raggiunto traguardi importanti, tra cui il completamento di operazioni di fusione e acquisizioni, la raccolta di finanziamenti aggiuntivi, l’espansione e la stipula di importanti joint venture o alleanze

In particolare, secondo quanto emerge dal dossier,

28 società hanno ottenuto finanziamenti per oltre 1,4 miliardi di dollari, attraverso il completamento di una Ipo, l’emissione di un’obbligazione sul loro mercato interno o uno scambio transfrontaliero o attraverso investitori finanziari o strategici.

41  aziende hanno aumentato la loro capacità produttiva e innovativa o di penetrazione in altri mercati.  12 società hanno completato un’operazione di fusione e acquisizione.

12 compagnie hanno completato transazioni di fusioni e acquisizioni

22 società hanno siglato alleanze  o joint venture, fondamentali per favorire la collaborazione, in particolare tra il settore pubblico e quello privato.

“L’analisi di PwC – ha dichiarato Nikhil Rathi, Ceo of London Stock Exchange plc e direttore dell’ International Development, London Stock Exchange Group –  ci fornisce un’istantanea preziosa di ciò che queste dinamiche aziende africane hanno realizzato nell’ultimo anno. Siamo lieti di constatare che 85 di esse hanno dimostrato una crescita o intrapreso iniziative per espandere la propria attività da quando sono presenti nel rapporto. È un segnale forte che queste aziende stanno consolidando il loro ruolo di hub per la trasformazione economica e si stanno affermando come importanti creatori di posti di lavoro “.

“Le società private sono i principali motori della crescita economica e dell’occupazione nel settore privato – ha osservato Dion Shango, Ceo di PwC Africa-  E – ha aggiunto-  con il tasso di crescita della popolazione, la disoccupazione potrebbe essere una delle più grandi crisi da affrontare in Africa. Il settore privato è quindi determinante per colmare il gap della disoccupazione e, come parte della nostra strategia per l’Africa, l’impatto sociale è in cima alla nostra agenda. Rimaniamo pertanto impegnati  in questa iniziativa che evidenzia il successo delle aziende private africane che stanno raggiungendo traguardi significativi che stanno cambiando la narrativa nel mercato globale ed evidenzia come esse stiano guidando la crescita economica trasformativa e ispirando la nostra giovane popolazione “.

“Siamo particolarmente incoraggiati nel vedere così tante aziende che attraggono finanziamenti per sostenere la loro crescita, considerando la ben nota disconnessione tra finanziatori e richiedenti fondi nel continente, in particolare nello spazio a media capitalizzazione”, ha detto commentando i risultati del rapporto Rob Withagen, Co-founder and Cei di Asoko Insight, piattaforma leader in Africa per la raccolta di dati aziendali, informazioni di mercato e notizie economiche.  “Queste aziende  -ha aggiunto- hanno contribuito a colmare questo divario e un’ulteriore connettività all’interno dell’ecosistema di supporto agli investimenti, sostenuta da una maggiore trasparenza e analisi basata sui dati delle opportunità sul campo, aiuterà gli altri a seguire il loro esempio”.

A commentare il rapporto anche Emma Wade-Smith Obe, Commissario per il commercio di Sua Maestà per l’Africa presso il Dipartimento per il commercio internazionale, che, ricordando che l’Africa ospita otto delle economie in più rapida crescita del mondo, ha ribadito l’impegno britannico a “sviluppare win-win relationship” con gli imprenditori africani, a condividere  la “competenza britannica”, “a imparare dall’esperienza africana” e a “lavorare con i partner del continente africano per padroneggiare le sfide e cogliere le opportunità che ci attendono”. “Il successo dell’Africa   è importante per il Regno Unito ed è per questo vogliamo che il Regno Unito sia l’investitore straniero che possa produrre il maggiore impatto positivo in Africa”, ha sottolineato il commissario citando l’Investiment Summit  tra Regno Unito e Africa che si è tenuto a Londra il 20 gennaio e al quale hanno partecipato una ventina di capi di stato e di governo africani e nel corso del quale il primo ministro Boris Johnson ha affermato che il suo paese vuole essere il “partner di investimento preferito” per l’Africa.

 

Scheda

One year on – Companies to Inspire Africa 2019
This report is a follow-up to London Stock Exchange Group’s ‘Companies to Inspire Africa 2019’ report and seeks to highlight key activities of the nominated companies from 31 January 2019 to 31 October 2019. All market data and
information was obtained from publicly available sources such as the companies’ respective websites, and has not been independently verified by PwC, Asoko Insight or London Stock Exchange Group.

Vi hanno contribuito: Chidubem Ejezie, Folusho Adebayo, Karabo Leopeng, Alberto Cuomo,
Joshua Rozells, and Alice Tomdio from PwC; Lauren Crawley-Moore,
Rhiannon Davies, and Aarondeep Singh from London Stock Exchange
Group; and Rob Withagen, Greg Cohen and Mary-Joyce Harley from Asoko
Insight .

 

L'Autore

Lascia un commento