«Lei sogna di ..far tredici? » Ma lo farà sicuro!

Gianni Rodari

5 idee sul Natale

0

shopping-natale-stress1. Inutile negare l’evidenza: a Natale arriviamo tutti stressati. Dal lavoro, dalle cene, dai regali da acquistare. Andiamo talmente di corsa che è complicato persino fermarsi al semaforo, per la serie si salvi chi può. L’altra sera una per poco non mi ha fratturato una gamba, poi sempre di corsa ha gridato: stanno chiudendo i negozi. E vallo a spiegare a Papa Francesco. Da giorni ripete: prima di accendere la luce al presepe dobbiamo accendere quella di cristo che sta dentro di noi.

2. Anche secondo la mia estetista un Natale senza luce non e’ affatto Natale. Così mi ha proposto un trattamento lampo il 24 ad ora di pranzo. L’ha detto seria e accorata: per accogliere la nascita di Gesù in maniera solenne devi scacciare via ogni ombra dal viso e i solchi dagli occhi. La soluzione? Un Fitocomplesso dalle doti schiarenti e dall’elevata forza luminescente. Da poter applicare anche sul divano di casa prima della benedizione Urbi et Orbi.

3. La prima cosa che mio figlio dice quando la mattina sto uscendo di casa e’: mamma, e’ buio. Non vorrebbe mai farmi andare a lavoro. Io per distrarlo faccio lievitare anche la tata come fa Silvan durante i suoi show, caccio dal cappello conigli e pulcini, ma è tutto vano. Non gli frega niente nemmeno dell’albero, dei re Magi, nulla nemmeno dei doni di Babbo natale. Per lui io sono la luce, il sole, le stelle e tutti i pianeti. Mi ama a tal punto che ha tolto San Giuseppe da dentro al presepe e ha lasciato solamente la Madonna col bambino Gesù.

4. Mio marito e’ io più figo di tutti. A quaranta anni suonati vorrebbe ancora credere a Babbo Natale. Dico sul serio, altroché. Lui sogna una tavola sempre bella imbandita; la casa intonsa; il mio miglior sorriso al mattino; viaggiare il week end; dormire comodamente nel letto e guardare serena mente un bel film all televisione. <<Amore, stasera arriva Babbo Natale>>, ha detto a mio figlio duenne. Il quale ha risposto: Babbo Natale sei tu.

5. Da quando sono mamma, e’ diventato complicato persino trovarmi il regalo giusto a Natale. Eppure, io mi addobbare-albero-di-natale1accontenterei veramente di poco. Il 24 a mezzanotte mi basterebbe spegnere tutte le luci – tv, abat-jour, persino i puntini rossi di radio e console, quelle colorate ad intermittenza che riempiono l’albero più tutte le luminarie che stanno per strada- e dormire 8 ore tutte di fila, fino a che non si fa giorno di nuovo.

Fiorella Corrado

L'Autore

Lascia un commento